Sei qui:  / Articoli / Minacce al giornalista Lorenzo Gugliara, la solidarietà di Articolo 21

Minacce al giornalista Lorenzo Gugliara, la solidarietà di Articolo 21

 

Tra pochi giorni sarà celebrata in tutto il mondo la 53^  Giornata mondiale delle comunicazioni sociali sul tema “Siamo membra gli uni degli altri” (Ef 4,25), Dalle social network communities alla comunità umana” che si terrà domenica 2 giugno 2019, oggi ci mette di fronte ancora una volta la dura realtà del giornalista e del comunicatore che continuano ad essere minacciati tramite il web e i social media. I giornalisti  che svolgono con passione, abnegazione il  lavoro di cronista  raccontando le storie di uomini e donne, di un territorio e dei fatti di un città.  Un territorio che continua ad essere violato  dall’arroganza e dalla prepotenza della criminalità organizzata e di chi non vorrebbe costruire una comunità umana, ma vuole rimanere in una comunità virtuale e dietro uno schermo.  I giornalisti sono sempre più vittime di minacce, l’odio nei confronti della nostra categoria è degenerato in violenze verbali sui social  e anche fisiche in molti casi. Ad essere preso di mira questa volta è stato il giornalista Lorenzo Gugliara, collaboratore da Scordia del quotidiano “La Sicilia”, direttore del portare web “Scordia.info”, consigliere nazionale della Fnsi e vice presidente regionale dell’Ussi, a cui sono arrivate  minacce via social e in modo chiaro con insulti e frasi dai contenuti intimidatori da un pregiudicato. E tutto solo dopo che era stato scritto un articolo di cronaca nera esponendo i fatti. Sono, dunque,  tempi durissimi per i giornalisti  e la libertà di stampa. Due giornalisti minacciati in poco meno di due settimane: il giornalista Gaetano Scariolo, cronista del Giornale di Sicilia da Siracusa e collaboratore dell’Agi, a cui ignoti gli hanno incendiato la macchina e Lorenzo Gugliara, questa volta la minaccia è arrivata sui social. Ancora una volta, dunque,  i giornalisti vengono minacciati per intimidire una categoria rimasta sul campo a difendere la democrazia e a difesa degli ultimi e di un territorio. Ancora una volta è un cronista locale a finire nel mirino di chi vuole chiudere  la bocca all’informazione, confidando nel clima di generale delegittimazione.  “Nessun passo indietro davanti ai violenti, ai prepotenti e ai vili –  scrive l’Assostampa Siracusa, solidarizzando col collega Lorenzo Gugliara -. Poi lancia l’hashtag: #incendiamolenostrecoscienze”. La Federazione Nazionale della Stampa Italiana e l’Associazione siciliana della Stampa che in una nota hanno sottolineato la professionalità e la serietà del “collega attento e scrupoloso, un giornalista conosciuto per la conoscenza del suo territorio e l’attenzione con cui svolge l’attività giornalistica” e che oggi c’è bisogno che le forze dell’ordine e le istituzioni lavorino per far svolgere con serenità il lavoro ai giornalisti. Noi siamo attenti a far si che le voci libere del giornalismo siciliano non debbano temere nulla per il loro operato”, aggiunge l’Ucsi Sicilia,  chiedendo “alle istituzioni e alle forze dell’ordine il massimo impegno per bloccare sul nascere l’ennesima intimidazione ai giornalisti siciliani”. L’intimidazione arriva a una settimana dopo la protesta dei giornalisti siracusani e non che  per la prima volta scesi in piazza a esprimere tutta la loro rabbia per l’auto incendiata al cronista Gaetano Scariolo.

Il livello di violenza nei confronti dei giornalisti è allarmante e continua a crescere, specialmente in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, così come a Roma e nella regione circostante. A Lorenzo è andata immediatamente la solidarietà di Articolo 21 e del presidente Paolo Borrometi. Non possiamo rimanere schiacciati dalla prepotenza di un pregiudicato o della criminalità organizzata che, tramite i social media,  atti incendiari o minacce e frasi scritte tentando di chiudere la bocca o bloccare la penna ai giornalisti che con scrupolo raccontano i fatti di un territorio mettendo in risalto le criticità della società, che oggi si è trasformata solo in modo virtuale, ma dobbiamo continuare a donare i nostri talenti. Nel suo discorso ai consiglieri nazionali  dell’Ordine dei giornalisti nel 2016, Papa Francesco ha sottolineato il ruolo dei giornalisti e sottolineando anche   la sua visione di un mestiere che sta attraversando anni di crisi. “I giornalisti, “restano una colonna portante, un elemento fondamentale per la vitalità di una società libera e pluralista – affermava Papa Francesco nel discorso ai consiglieri nazionali dell’Odg – . Ecco il punto: non c’è giornalismo senza democrazia, perché la democrazia è libertà e la libertà è l’anticamera della verità. Amare la verità vuol dire non solo affermare, ma vivere la verità, testimoniarla con il proprio lavoro”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE