Sei qui:  / Articoli / Mafie / Delegazione dell’Associazione NOI incontra il Capo del Gabinetto della Prefettura per chiedere protezione per i figli di Federica Angeli

Delegazione dell’Associazione NOI incontra il Capo del Gabinetto della Prefettura per chiedere protezione per i figli di Federica Angeli

 

“Stamattina, davanti alla Prefettura di Roma, l’Associazione Antimafia Noi ha organizzato un presidio per chiedere protezione per i figli della giornalista di Repubblica, Federica Angeli. Accanto all’Associazione, sono scesi in piazza l’Onorevole Luciano Nobili, Beppe Giulietti, presidente della FNSI, la Rete #Nobavaglio, Giovanni Zannola, consigliere al Comune di Roma, Agostino Biondo, dell’Associazione Mare Libero, e Francesco Lorusso, Presidente dell’Associazione di promozione sociale “Raffaele Romano”.
La sindaca Virginia Raggi, ricordando l’iniziativa dell’associazione Noi nel giorno dell’Unità nazionale che si è commemorato nella caserma della Finanza a Ostia, ha ribadito l’importanza di essere accanto a Federica Angeli in questa fase”. Lo scrive in una nota l’Associazione Antimafia NOI.

“La famiglia di Federica Angeli è la nostra famiglia e noi siamo qui per difendere la NOSTRA famiglia” Così, Massimiliano Vender, presidente di Noi, ha spiegato i motivi che hanno spinto l’Associazione a scendere in piazza.

In mattinata, una delegazione di Noi ha chiesto e ottenuto un incontro per poter discutere della sicurezza dei figli della Angeli. Commenta ancora Massimiliano Vender : “Il Capo di Gabinetto della Prefettura di Roma si è dimostrata molto attenta al contesto criminale di Ostia e soprattutto al tema da noi evidenziato riguardante la tutela e la sicurezza dei figli della cronista Federica Angeli. E’ stata avviata l’istruttoria per la definizione delle misure di sicurezza da mettere in campo. Noi cittadini dobbiamo essere scudo di tutti quei giornalisti che tramite le loro inchieste donano a tutti noi un respiro di libertà. Liberi di essere informati. Nel giorno della condanna per mafia di Massimiliano Spada, Claudio Galiatoto e Massimo Massimiami, possiamo ritenerci soddisfatti.”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE