Sei qui:  / Articoli / Culture / Venezia 2018. A Carlo Verdone il premio Pietro Bianchi dei giornalisti cinematografici

Venezia 2018. A Carlo Verdone il premio Pietro Bianchi dei giornalisti cinematografici

 

Nel 2018 è andato  a Carlo Verdone il Premio Pietro Bianchi che il Sngci – sindacato nazionale dei giornalisti cinematografici italiani – assegnano d’intesa con la Mostra Internazionale di Venezia.

All’hotel Excelsior, alla presenza del presidente della Biennale Paolo Baratta e del direttore Alberto Barbera, Carlo Verdone ha ricordato i suoi anni infantili al Lido, quando l’eleganza del luogo ricordava “Morte a Venezia”. Anni in cui – ha raccontato – un grande regista come Vittorio De Sica aveva perso al Casinò una cifra colossale – che la leggenda vuole intorno ai cento, centocinquanta milioni di lire – per restituire la quale de Sica fu obbligato a fare molti film. Verdone ha criticato (cosa con cui si può essere d’accordo) l’eccessiva intellettualità delle giurie cinematografiche che prediligono film cerebrali che non emozionano il pubblico. Il regista ha chiarito come nella commedia sociale e di costume possa coesistere al divertimento lo spessore di contenuto. Laura Delli Colli, Presidente del SNGCI, ha tenuto ha sottolineare il lavoro di Verdone per i giovani, l’attore e regista è tra l’altro sponsor di un premio all’opera prima che porta il suo nome.

La Delli Colli ha specificato :“Il Premio Bianchi che dedichiamo con entusiasmo, ogni anno, ad un protagonista del cinema italiano solo poche volte negli anni è andato ad un attore. Con Carlo Verdone, l’omaggio è davvero speciale perché va non solo ad un attore ma al regista, allo sceneggiatore, perfino ad un grande talent scout che con i suoi film ha lanciato una felicissima serie di protagoniste femminili”.

Emozionato ed emozionante l’intervento di Verdone: “Il Premo Bianchi – ha detto l’attore – compie 40 anni e anch’io sono arrivato a 40 anni di attività nel cinema. E questa è una coincidenza singolare. È un riconoscimento che mi rende orgoglioso sia per la statura del critico e giornalista Pietro Bianchi sia per i nomi prestigiosi che lo hanno già ricevuto. Essere insieme a Mario Soldati, Alessandro Blasetti, Dino Risi, Bernardo Bertolucci, Alberto Sordi e tanti altri, mi riempie di gioia e mi fa comprendere meglio quanto seriamente sono riuscito ad affrontare questi quarant’anni. Il mio ringraziamento va al Sindacato dei Giornalisti Cinematografici che ha proposto il mio nome. Dedico questo premio, con tutto il cuore, a mio padre Mario”.

Intitolato alla memoria del critico e giornalista Pietro Bianchi, il Premio ha segnalato anche, provocatoriamente la scarsa attenzione che i giornali riservano oggi alla critica, le grandi firme del cinema italiano, o nel 1999, Dino De Laurentiis, il primo e finora unico produttore ad averlo ricevuto. Il Bianchi ha insignito, tra gli altri,  la carriera e il prestigio di un’intera generazione di registi, sceneggiatori, autori della fotografia tra i più rappresentativi del cinema d’autore: da Mario Soldati – nel 1978 il primo “Premio Bianchi” della storia – a Cesare Zavattini, Alessandro Blasetti, Renato Castellani, Luigi Zampa, Alberto Lattuada, Mario Monicelli, Luigi Comencini, Giuseppe De Santis, Francesco Rosi, Dino Risi, Ettore Scola, Paolo e Vittorio Taviani, Luigi Magni, Carlo Lizzani, Bernardo Bertolucci, Michelangelo Antonioni. poi gli sceneggiatori Suso Cecchi D’Amico, Age e Scarpelli e Tonino Guerra, il direttore della fotografia Giuseppe Rotunno, il montatore Roberto Perpignani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE