Sei qui:  / Articoli / Informazione / (Quattro anni senza) Federico Orlando, uomo libero

(Quattro anni senza) Federico Orlando, uomo libero

 

Riproponiamo questo articolo di Santo della Volpe, del 09 agosto 2014, scritto all’indomani della scomparsa di Federico Orlando (8 agosto 2014). Federico e Santo, due grandi giornalisti (la foto li ritrae insieme) che hanno percorso con Articolo21 una lunga strada ed importanti battaglie per la libertà di espressione e i diritti civili

Di Santo della Volpe

Federico Orlando e’ stato e sarà’ sempre un Campione di Liberta’. Esempio per tutti i giornalisti, riferimento di quell’orgoglio professionale che si coniugava sempre con una profonda etica della personale e giornalistica. Quella del cronista prima di tutto, del commentatore poi, dell’organizzatore di idee e di ricerca, di approfondimento e di notizie. Mestiere complesso il nostro, che coniuga tutte queste variabili di grande responsabilità’ civile e politica: ma mestiere meraviglioso , come diceva Federico, che da la possibilita’ di vedere cambiare la societa’ , scoprire i meccanismi che regolano la convivenza civile, l’indipendenza di giudizio e,soprattutto, la libertà’ di rappresentare i problemi e le riflessioni avendo sempre i lettori, i cittadini come punto di riferimento. Un cambiamento nel quale ci ha insegnato a leggere gli aspetti positivi e negativi! Impegnandosi in prima persona quando era il caso di fermarsi a difendere principi e realta’ , di fare battaglie per la liberta’ di informazione. Per questo Federico Orlando parlava spesso del suo punto di riferimento che e’ diventato il nostro faro: la Costituzione Italiana, quella materiale ( la carta ed i suoi articoli,in particolare,non a caso, l’Articolo21), e la costituzione che si vive ogni giorno con i si ed i no necessari per ciascun cittadino e ciascun giornalista ,in particolare, affinche’ quel dono di liberta’ ereditato dalla Resistenza e dai padri costituenti, possa tramandarsi alle future generazioni.
Federico per questo ha voluto dire dei no a chi voleva costringerlo in una proprieta’ che non era solo fatta di CdA o amministrazione, ma voleva condizionare la libertà’ di giudizio, di osservazione dei fatti e delle notizie. Disse di no a Berlusconi e disse di si alla liberta’ di informazione.
A Federico dobbiamo tutti molto, moltissimo. Le sue parole , da vero gentiluomo, mai aggressive ma chiare e decise, la sua presenza nei momenti difficili, la sua ferma posizione anche nelle insenature della vita dove possono insinuarsi dubbi e tentazioni. Il suo modo di giudicare fatti e notizie da spirito libero, sono state e saranno una via per tutti noi.
Grazie Federico, campione di liberta’, ora ed in futuro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE