Sei qui:  / Blog / Rifugiati in Italia, per fare chiarezza sui numeri

Rifugiati in Italia, per fare chiarezza sui numeri

 

Tornano le infografiche di Carta di Roma. Come esordio per il 2018 ne abbiamo costruita una dedicata ai rifugiati e articolata in 5 punti

di Alessandro Lanni (@alessandrolanni)

in collaborazione con

Molte forze politiche durante la campagna elettorale hanno sollevato la questione dei troppi irregolari, addirittura 600mila da cacciare dall’Italia appena giunti al governo perché rappresenterebbero “una bomba sociale”. Una cifra enorme che pure – ammesso e non concesso – si rivelasse fondata avrebbe delle difficoltà logistiche notevoli e dei costi esorbitanti.

Ma com’è stata calcolata quella cifra? Semplice, sommando gli arrivi via mare degli ultimi anni con il picco nel 2016 e la diminuzione negli ultimi mesi. E assumendo che solo il 5% abbia diritto a rimanere nel nostro Paese. Ma le cose stanno davvero così?

Le elezioni del 4 marzo rappresentano anche il banco di prova per politiche soprattutto efficaci sull’immigrazione che è stato uno dei temi più caldi nello scontro tra i diversi partiti. “Efficace” qui significa in primo luogo in grado di tutelare i diritti umani – a partire dalla vita – di chi s’imbarca scappando da paesi dove troppo spesso quei diritti sono violati. E poi di accogliere e integrare in maniera umana e conveniente qualche decina di migliaia di persone ogni anno.

Ecco, noi crediamo che sia utile – per migliorare la qualità della discussione tra le persone e sui media – offrire uno strumento agile e compatto per capire un fenomeno nuovo e complesso come quello in corso, e i viaggi della speranza dal Medio Oriente e dall’Africa.

Per questo abbiamo raccolto in un’unica infografica numeri e definizioni che possano aiutare a fare un po’ di luce su chi sono i “rifugiati” e come le norme italiane ed europee li possano e debbano tutelare, al di là della propaganda facile… Leggi tutto su cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE