Sei qui:  / Articoli / Lavoro / Taranto-Ilva: i giorni caldi della città

Taranto-Ilva: i giorni caldi della città

 

ll 18 dicembre, alle ore 10.00, presso il Reparto di Pediatria dell’Ospedale SS.Annunziata di Taranto si ha notizia dell’inaugurazione dei nuovi spazi dell’Oncoematologia Pediatrica, a cui sarà presente l’Arcivescovo di Taranto, Mons. Filippo Santoro, il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e il Direttore Generale ASL Taranto, Stefano Rossi.
Gli spazi sono stati realizzati con il contributo di associazioni del territorio , e in particolare all’Associazione “Arcobaleno nel Cuore” e UILM di Taranto. Il progetto è stato reso possibile soprattutto grazie all’impegno di una ragazza fantastica dal cuore immenso e che sta combattendo la sua personale battaglia per tornare in forza dopo un malore mentre si trovava a Trieste, Nadia Toffa. Nadia ha fatto propria la campagna di vendita solidale delle t-shirt «je jesche pacce pe te». Tale iniziativa è stata proposta e promossa dall’Associazione “Tutti gli amici del Mini Bar” , ma soprattutto dal cuore grande di Ignazio D’Andria, titolare di un piccolo bar al quartiere Tamburi, da cui è partita la gara di solidarietà per aiutare nelle cure oncologiche i bambini di Taranto, vittime innocenti di uno scellerato patto di acciaio tra chi non ha pensato alla loro salute e chi ci ha guadagnato.

Nadia e Ignazio sono un simbolo di come esistano quei rapporti puliti tra la gente comune, perché l’amore che li ha uniti per questo sogno li ha resi gente comune, quella che si aiuta e mette la propria faccia per un senso di restituzione.
Davanti ad un caffè nel suo bar raccontavo ad Ignazio d’averla conosciuta questa simpatica pezzettina, proprio il giorno in cui aveva “sfilato” una sommetta di denaro ad Emiliano in visita al siderurgico per la questione Ilva e di avergli donato la t-shirt.
Avevo anche fatto uno di quei selfie che poi si perdono e non immaginavamo io e Ignazio di ritrovarci in una chiesa il giorno dopo a pregare con i bambini di Taranto per lei per una pronta guarigione.
Ma questa è Taranto. Questo é il cuore di una città di cui si discuterà al tavolo che il Ministro Calenda ha convocato per il 20 dicembre, o il 22. Tavolo voluto dal Sindaco e dal Presidente della Regione, su cui saranno messi punti fondamentali perche ‘ la città cambi rotta.
Cosi tra guerre e pace spunta la solidarietà che ha compiuto il miracolo.
Le t- shirt hanno raccolto 500 mila euro, non briciole, da tutto il mondo.

I nuovi spazi comprendono tre stanze per la degenza, con un totale di cinque posti letto, dotate di strumentazione altamente tecnologica, tv, frigorifero e bagno privato, e l’infermeria. Ci sarà la stanza medici, l’ ambulatorio e la ludoteca con un angolo cottura. I piccoli pazienti potranno ricevere assistenza sanitaria in una dimensione a misura di bambino.
Indossando la maglietta con “Ie jesche pacce pe te”, ovvero “Io impazzisco per te”.
a “Le Iene”, Nadia ha praticamente dato inizio alla corsa di un treno che non si è più fermato. Quello del cuore che batte per la vita.Il quartiere si e’ unito al reparto di pediatria dell’ospedale e grazie a lei, ad Ignazio ed Enzo D’Andria, ai frequentatori del bar, all’associazione Arcobaleno nel cuore, a tutta la città si è giunti a raccogliere molto più della somma di denaro. Si è raccolto amore puro.
E l’amore, si sa, compie giri immensi e poi ritorna.

Foto di Vincenzo Aiello

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE