Sei qui:  / Articoli / Esteri / Casa Bianca: gente che va gente che viene… avanti il prossimo

Casa Bianca: gente che va gente che viene… avanti il prossimo

 

Che cosa resta della squadra iniziale con la quale solo sette mesi fa il Presidente Trump aveva cominciato la sua avventura a Washington? 4 degli uomini chiave che avevano giurato con lui non ci sono più. Ma altri meno conosciuti, almeno otto,  in questi mesi hanno gettato la spugna. C’è chi è stato cacciato  come nel reality The Apprentice,”You are Fired”, c’è chi si è dimesso. Il primo ad uscire di scena era stato il generale Michael Flynn consigliere per la sicurezza nazionale, ma si è scoperto troppo vicino allo staff di Putin. Dopo poco più di due settimane,il 13 febbraio  era stato costretto a dare le dimissioni.Il 21 luglio era stata la volta  del Portavoce della Casa Bianca quel Sean Spicer cosi rude con i giornalisti da diventare il più amato dai conduttori satirici,protagonista di divertenti siparietti  nei talk show televisivi della sera. Si era dimesso in polemica con la nomina decisa da Trump di Antony Scaramucci, the  Mooch per gli amici, che sarebbe diventato il suo capo.

Per Spicer, vicino all’apparato del partito repubblicano e meno agli  amici di Trump, era davvero troppo. Dopo soli sei mesi ha deciso di lasciare, ma non è durato molto neppure Scaramucci. La sua testa è stata chiesta dopo pochi giorni dal nuovo capo staff di Trump l’ex Marine generale a 4 stelle John Kelly, ministro dell’interno,chiamato a riportare l’ordine tra le bande in lotta dentro la Casa Bianca. Scaramucci si era lasciato andare con un giornalista del New Yorker a commenti piuttosto volgari contro altri membri dell’amministrazione Trump. Ma è stato  proprio l’arrivo di Kelly a far cadere un’altra testa, quella di Reince Priebus il primo capo staff di Trump che con un tweet ha annunciato il cambio. Priebus era accanto a lui sul Air Force One: “ Lo ringrazio, Abbiamo fatto molto insieme,sono orgoglioso di lui”, ha twittato, poi parlando del  general Kelly in un altro tweet ha aggiunto: “Un grande ameriano,un grande leader…fara un lavoro fantastico”.

Priebus, altro personaggio legato al partito repubblicano che faceva asse con Spicer,  è sceso dall’aereo e se n’è andato.” Continuero’ ad essere un fan di Trump” ha dichiarato.Era il 28 luglio.In tanti dentro la Casa Bianca cominciavano a chiedersi quale sarebbe stato il loro futuro.  Il licenziamento di Stephen Bannon, stratega e ideologo di estrema destra, era nell’aria dopo le tragiche vicende di Charlottesville. In molti l’hanno letto come il prezzo pagato da Trump dopo le polemiche scatenate dalle sue dichiarazioni nelle quali aveva messo sullo stesso piano  Ku Klux Klan, suprematisti bianchi,  neo nazi  e manifestanti che si erano opposti al loro raduno.

“La presidenza Trump per cui avevamo lottato e vinto è finita”  ha commentato a caldo Bannon al Weekly Standard. Ma già stamane in un ‘altra dichiarazione  a Bloomberg Businessweek ha voluto precisare: “ C’è confusione là fuori. Sto lasciando la Casa Bianca per combattere al fianco di Trump contro i suoi oppositori non contro di lui”. Lavorerà di nuovo come Executive Chairman, il presidente esecutivo,  a Breitbart News, il sito populista di destra, da dove veniva, considerato tra i più influenti nel mondo. Vedremo presto come farà sentire la sua influenza.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE