Sei qui:  / Articoli / Informazione / Minacce e Vittime / Aggressione al cronista della Tribuna di Treviso: ferma condanna Fnsi e giornalisti Veneto

Aggressione al cronista della Tribuna di Treviso: ferma condanna Fnsi e giornalisti Veneto

 

L’Assemblea regionale del Sindacato giornalisti Veneto, riunita oggi a Mestre per il rinnovo del Segretario e del Direttivo, si associa al Cdr dei quotidiani Finegil nell’esprimere solidarietà al collega della Tribuna Adriano Agostini aggredito, durante il suo lavoro di cronista, dal Sindaco di Villorba, Marco Serena. Il collega stava riprendendo un’operazione di polizia dei vigili urbani quando il Sindaco, arrivato in bicicletta, è sceso e l’ha puntato immediatamente mirando al cellulare, prendendolo per un braccio e ripetendo più volte la parola “sciacalli”. Il tutto documentato dalle immagini presenti sul sito della Tribuna di Treviso.

Simili episodi purtroppo si ripetono sempre più spesso. E va ribadito che quello del giornalista è un lavoro ma soprattutto un diritto-dovere: quello di informare e documentare. Solidarietà al collega aggredito anche dal Segretario generale e dal Presidente dell’Fnsi Raffaele Lorusso e Beppe Giulietti, che hanno partecipato ai lavori dell’Assemblea.

“L’aggressione al collega è un atto di inaudita gravità – hanno sottolineato – soprattutto perché è stato compiuto da un rappresentante delle istituzioni. E’ auspicabile che le autorità competenti, a cominciare dal Prefetto, intervengano per garantire il corretto esercizio del diritto di cronaca nell’interesse esclusivo dei cittadini a essere correttamente informati”.

Ferma condanna di quanto accaduto anche da parte dell’Assostampa trevigiana, dalla Sezione Veneto dell’associazione Articolo 21 e anche dall’Ordine dei giornalisti Veneto. “L’episodio di Treviso è preoccupante – dichiara il Presidente dell’Ordine, Gianluca Amadori – in quanto è sintomo di una crescente intolleranza nei confronti del lavoro giornalistico, in una fase in cui c’è sempre meno spazio per un’informazione libera e indipendente. Il diritto dei cittadini ad essere correttamente informati va difeso con forza”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE