Sei qui:  / Articoli / Informazione / Minacce e Vittime / “Tante Quanti”, 7 marzo Fnsi, giornaliste in campo per la democrazia paritaria

“Tante Quanti”, 7 marzo Fnsi, giornaliste in campo per la democrazia paritaria

 

Una giornata di riflessione sulla democrazia paritaria, senza dimenticare il diritto di cronaca e le querele temerarie ma anche per ribadire #nobavaglioTurchia. L’appuntamento è per martedì 7 marzo 2017, alle ore 11.00, nella sede della FNSI in Corso Vittorio Emauele II 105.
Ceyda Karan, Federica Angeli, Lilli Mandara, Paola Spadari e il ministro all’Istruzione Valeria Fedeli alcune delle relatrici che animeranno il confronto, partendo dalla riforma dell’Art 51 della Costituzione, alle quote di lista e doppia preferenza di genere per le elezioni nelle amministrazioni locali, passando per la legge Golfo-Mosca che ha raddoppiato la presenza di donne ai vertici delle società quotate. Un percorso, quello per la democrazia paritaria, che attende ora la prova cruciale della nuova legge elettorale, con la forte richiesta dell’associazionismo femminile di estendere anche al Senato le norme antidiscriminatorie introdotte nell’Italicum.
Un tema su cui le giornaliste invitano a tenere accesi i riflettori dell’informazione, impegnate come sono, al tempo stesso, a ottenere il riequilibrio della rappresentanza di genere anche negli organismi di categoria. A partire dal sindacato: perché le opportunità siano davvero pari occorre almeno partire alla pari, sulla base di un criterio da inserire nello Statuto della Fnsi che si sta per riformare. Le Commissioni Pari Opportunità di Fnsi e Usigrai invitano a una giornata di riflessione e di mobilitazione, il 7 marzo, convinte che la lotta alle discriminazioni passi anche attraverso il riconoscimento del diritto ad essere equamente rappresentate. Con l’occasione, mentre non si attenuano purtroppo gli attacchi sessisti alle donne più esposte sulla scena pubblica, vogliamo ricordare che non va abbassata la guardia a difesa delle croniste minacciate, intimidite con le querele temerarie e vittime della repressione che vuole imbavagliare la libertà di stampa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE