Sei qui:  / Articoli / Interni / Referendum. Vince il No. Renzi si dimette. Un Paese uscito spaccato in due sulla Costituzione

Referendum. Vince il No. Renzi si dimette. Un Paese uscito spaccato in due sulla Costituzione

 

“Nel pomeriggio riunirò il consiglio dei ministri e poi salirò al Quirinale per consegnare al presidente della Repubblica le dimissioni”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi nella conferenza stampa a Palazzo Chigi ha riconosciuto la sua sconfitta personale dopo la vittoria netta del No al referendum.
L’esperienza del governo Renzi finisce così nella notte tra il 4 e il 5 dicembre 2016.
Articolo21, com’è suo costume, non si è schierata. Siamo un’associazione nata (quasi 15 anni fa) e cresciuta per difendere la libertà di espressione e nella quale convivono sensibilità politiche diverse. Per questo sul nostro sito abbiamo rappresentato, in un forum molto partecipato, le diverse posizioni. Stando sempre nel merito. Sui contenuti della riforma costituzionale e sulle modalità con cui mass media e giornali si sono occupati del referendum. Abbiamo chiesto a giuristi e costituzionalisti, giornalisti e opinionisti di spiegare le ragioni del Sì e del No e non di esprimere un giudizio politico sul presidente del Consiglio e sul suo governo.
Ma il dato inequivocabile, quanto quello del responso delle urne è che il Paese è uscito spaccato in due sulla Costituzione, esattamente quello che i costituenti erano riusciti a scongiurare.
Ci auguriamo adesso che gli strepiti e le invettive della campagna elettorale lascino il passo a riflessioni sane e costruttive e si riscoprano le ragioni del dialogo e dei progetti comuni.  In nome di quella splendida Costituzione la cui piena applicazione è ancora lontana.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE