Sei qui:  / Opinioni / Siria, vi racconto una storia

Siria, vi racconto una storia

 

Quando cominciai ad interessarmi della Siria nel 2012 fra le tante persone che conobbi ci fu una certa Tytty Cherasien che si presentò come una cooperante di origine araba e israeliana. Diceva di essere in contatto con Alessandra Arrigoni, la sua foto profilo su facebook era un disegno che Mauro Biani aveva realizzato per lei, diceva di conoscere Cecilia Strada, Amedeo Ricucci, Carlo Gubitosa ecc. Con lei ho avuto un rapporto informale, parlavamo sia della Siria, del medio-oriente in generale che di questioni leggere. Fra le prime cose che mi raccontò (premetto che realmente non l’ho mai incontrata, ma altre persone sì) ci fu la storia di sua figlia, una bambina che  morì a 4 anni per leucemia fulminante, mi mostrò anche un video della bimba girato fra i senza tetto della stazione di Milano. Tytty teneva un blog in cui raccontava della Siria, non so se vi ricordate ma avevo ripreso un suo scritto sul campo di Yarmouk per Articolo21, collaborava con alcune testate on line, collaborava con i ragazzi italo-siriani che  andavano ad aiutare i profughi nella stazione di Milano. Lo scorso anno Tytty mi raccontò in privato di avere intrapreso una relazione con un medico Michael D. Kors, un oncologo che aveva una sua fondazione per i bambini malati di cancro in Inghilterra. Qualche giorno fa alcune persone hanno scoperto che questo medico non esiste che Tytty Cherasien non esiste ma che si tratta di una millantatrice che probabilmente si chiama Stefania la quale aveva preso da facebook le immagini di Tommaso Ederoclite dando a queste l’identità del fantomatico Dottor Kors.
Oltre questo Tytty/Stefania avrebbe ricevuto soldi per la fondazione del suo fidanzato, fondazione che appunto non esiste. Da quel che so è stata denunciata sia per truffa che per il furto d’identità di Ederoclite.
Io come molti altri sono rimasta di ghiaccio per questa storia, 4 anni di bugie, una credibilità costruita ad arte .. ho pianto per sua figlia e per i  suoi racconti sulla Siria. A proposito, la bambina del  video non era sua figlia e per fortuna è  oggi una ragazzina che gode di ottima salute, per quanto riguarda la Siria e altre cose che raccontava a questo punto dubito di tutto.
Dopo questa scoperta, portata alla luce da Eredoclite il 19 Marzo https://www.facebook.com/tommaso.ede/posts/10153320643172385
mi sarei aspettata di trovare qualche articolo sui giornali a riguardo, ma non c’è niente a parte questo piccolo articolo http://www.teleclubitalia.it/attenzione-scoperta-agghiacciante-rubava-foto-di-bimbi-su-fb-per-chiedere-falsa-beneficenza/1231366/

Non so che fine farà questa millantatrice e non sono certo io una persona che vuole sottoporla ad una gogna mediatica, ma anche questo silenzio da parte dei media mi sembra assurdo, fra l’altro dalla rete stanno sparendo i contenuti che la riguardavano.
Questa persona ha ingannato ma quel che è peggio è che ha sottratto soldi che potevano veramente aiutare i bambini profughi o i bambini malati.
Avevo bisogno di raccontarvi questo, sono molto rattristata e spero che giustizia verrà fatta, un abbraccio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE