Sei qui:  / Articoli / Informazione / Legge bavaglio: positiva convergenza fra giornalisti e Associazione Magistrati

Legge bavaglio: positiva convergenza fra giornalisti e Associazione Magistrati

 

Cari amici di Articolo 21, il coinvolgimento dei cittadini e delle altre organizzazioni rappresentative di lavoratori e professionisti nella battaglia contro la proposta di legge bavaglio è un passaggio fondamentale e ineludibile. Va per questo salutata con favore la convergenza registratasi fra i giornalisti e i rappresentanti dell’Associazione nazionale magistrati. Una nostra delegazione ha incontrato una rappresentanza dell’Anm, guidata dal presidente Rodolfo Sabelli, per avviare una riflessione comune, anche in vista del confronto con la politica sulla delega al governo in materia di intercettazioni contenuta nella proposta di riforma del processo penale in discussione in parlamento. Oltre al sottoscritto, nella nostra delegazione c’erano rappresentanti di Articolo21, Usigrai, Ordine dei giornalisti del Lazio, Cronisti romani, Comitato No bavaglio, Pressing-Giornalisti in rete..

La riflessione comune ha individuato alcuni punti unificanti rispetto alla battaglia da portare avanti, con un deciso “No” allo strumento della delega al governo, considerata sia dai giornalisti che dai magistrati inadatto rispetto alla rilevanza costituzionale della materia, e alcune prime idee su iniziative congiunte per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dello strumento delle intercettazioni per i lavoro di magistrati e giornalisti.
Il presidente Sabelli ha ribadito la richiesta dell’Anm al governo di restituire al parlamento la riflessione sul tema, evitando una delega che, per la sua genericità, si presterebbe ad un ventaglio troppo ampio di soluzioni.

Ho ricordato, come già affermato in occasione della conferenza stampa di presentazione della petizione online promossa, tra gli altri, dal professor Stefano Rodotà, che per il sindacato dei giornalisti “la delega al governo su una materia come quella delle intercettazioni è una scelta sbagliata e pericolosa, perché si corre il rischio di ledere il diritto dei cittadini ad essere correttamente informati su questioni di interesse pubblico contenute negli atti delle inchieste giudiziarie”.

Le due delegazioni, nel rispetto dell’autonomia e delle competenze reciproche, hanno deciso di proseguire il dialogo e di valutare azioni comuni da porre in essere a tutela dei cittadini nell’ottica di contemperare il diritto alla privacy con il diritto ad un’informazione corretta e completa, presupposto indispensabile di ogni sistema democratico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE