Sei qui:  / Articoli / Informazione / Giornalisti morti per raccontare quello che troppo spesso viene dimenticato

Giornalisti morti per raccontare quello che troppo spesso viene dimenticato

 

Morti per raccontare, per far conoscere al mondo la realtà di guerre e conflitti troppo spesso dimenticati. Ogni anno si raccolgono i numeri dei giornalisti uccisi : 71 nel 2013, già 115 quest’anno (135 se si considerano venti blogger). Numeri dietro ai quali ci sono i volti e le storie di uomini e donne, ma anche di ragazzi e ragazze, che hanno pagato con la vita pur di testimoniare con il proprio lavoro le atrocità negli angoli più nascosti del mondo. Delitti quasi sempre rimasti impuniti: chi negli ultimi anni ha ucciso un giornalista o un operatore della comunicazione è stato punito solo in un caso su dieci, secondo i dati raccolti dall’UNESCO. Nella giornata mondiale dell’Onu come “fine dell’impunità per i crimini contro i giornalisti”, va ricordato il coraggio e il sacrificio di questi fotografi, operatori, reporter, citizen journalists. Morti per raccontare quello che troppo spesso viene dimenticato.

Il video realizzato alla Scuola di Giornalismo di Perugia

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE