Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Informazione / Iniziative Articolo21 / La consultazione di Art.21 sul futuro del sistema dei media e sulla riforma della Rai

La consultazione di Art.21 sul futuro del sistema dei media e sulla riforma della Rai

 

Questo contributo di Roberto Zaccaria inaugura in modo formale la campagna di consultazione di articolo 21 sul futuro del sistema dei media e sulla riforma della Rai. Mai come in questo momento è necessario tenere in vita un pensiero critico ed impedire che temi quali il conflitto di interesse, le normative antitrust, le modalità di nomina delle Autorità di garanzia e dei vertici Rai siano nuovamente archiviati.
In questi ultimi mesi, a proposito e a sproposito, si é molto parlato della Rai, ma, passata la tempesta, tutto é restato fermo, anzi le annunciate consultazioni pubbliche non sono neppure iniziate.

Per favorire questo percorso abbiamo deciso di promuovere  una prima consultazione.
Le osservazioni di Roberto Zaccaria saranno inviate ad associazioni, sindacati, giuristi, comitati e movimenti interessati a questi temi, con l’obiettivo di raccogliere le loro osservazioni, di aggiornare le nostre proposte e di stimolare Governo, Parlamento e Rai ad aprire una fase di pubblica discussione capace di coinvolgere non solo gli addetti ai lavori, ma anche e soprattutto cittadine e cittadini che ancora pagano il canone di abbonamento.

Il materiale  raccolto sarà presentato e discusso nei due appuntamenti nazionali già definiti dal direttivo di Articolo21: la festa nazionale che si svolgerà a Roma nel mese di settembre e l’assemblea nazionale ad ottobre ad Assisi, dove il giorno 19 si svolgerà la marcia per la pace Perugia Assisi.
Chiediamo a tutte e a  tutti di partecipare al forum e di coinvolgere la più ampia platea di soggetti in quella che si configura come la prima vera consultazione pubblica sul tema e che si collega in modo esplicito alla iniziativa ” Una nuova carta d’identità per la Rai” promossa da Renato Parascandolo, e che ha già raccolto l’adesione di decine di associazioni e di centinaia di scuole italiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE