Sei qui:  / Articoli / Interni / Mai tanti morti sui luoghi di lavoro da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna

Mai tanti morti sui luoghi di lavoro da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna

 

34 gli agricoltori morti schiacciati dal trattore da quando il 9 marzo abbiamo mandato una mail a Renzi, Poletti e Martina per avvertirli dell’imminente strage. Mai tanti morti sui luoghi di lavoro dal 2008.Pasqua di morte per chi lavora. Mai tanti morti sul lavoro da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

Mai tanti morti sul lavoro da quando il 1° gennaio 2008 ho aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro. Sono andato a vedere le tabelle excel elaborate nel corso di questi anni per controllare quanti morti sui luoghi di  lavoro c’erano il 20 aprile di ogni anno. Oggi 20 aprile 2014 sono dall’inizio dell’anno 165, nello stesso giorno del 2013 erano 134, nel 2012 154, nel 2011 169, nel 2010 139, nel 2009 150, nel 2008 160. Come vedete è possibile, con questi dati fare diverse considerazioni. Nonostante si siano persi milioni di posti di lavoro da quell’ormai lontano 2008, anno d’inizio della crisi, i morti sui luoghi di lavoro non sono mai calati. E questo nonostante si siano investiti centinaia di milioni di euro sulla Sicurezza.

Parlano sempre ogni anno di straordinari cali delle morti sul lavoro, ma NON E’ VERO, le morti sono addirittura aumentate se si prendono in considerazioni tutte le morti sui luoghi di lavoro e non solo gli assicurati all’INAIL CHE, VOGLIAMO ANCORA  UNA VOLTA RICORDARE, CHE MONITORA SOLO I PROPRI ASSICURATI E TUTTI GLI ALTRI LAVORATORI CHE NON SONO ASSICURATI CON QUESTO ISTITUTO NON VENGONO CONTEGGIATI.  E SONO MOLTI MILIONI DI LAVORATORI. Una leggera diminuzione dei morti c’è stata solo sulle strade ma questo non per merito della prevenzione, ma perché, e per fortuna, anche i lavoratori acquistano auto più moderne e tecnologicamente più sicure una volta rottamate le vecchie. Se avessimo una stampa veramente  libera cesserebbe questa colossale mistificazione e si farebbe piena chiarezza su questi aspetti fondamentali per un paese civile. Con questi presunti cali si sono fatte leggi per “alleggerire” le normative” sulla Sicurezza. L’Italia è stata messa in mora dall’Europa, su denuncia dell’operaio Marco Bazzoni perché non rispetta parti importanti delle normative sul lavoro. Il giorno 9 marzo di quest’anno l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro ha mandato una mail alle Segreterie del Primo Ministro Renzi, del Ministro del Lavoro Poletti, del Ministro delle Politiche Agricole Martina pregandoli di fare una campagna di prevenzione perché dai dati raccolti nel corso degli anni sapevamo che entro pochi giorni sarebbe ricominciata la strage di agricoltori schiacciati dal trattore. Come al solito, non ottenendo  nessuna risposta. Sapete quanti agricoltori sono morti schiacciati dal trattore che guidavano? Trentaquattro. 

Un numero di morti impressionante che dovrebbe lasciare sgomento qualsiasi persona che abbia ancora un barlume di sensibilità sociale. Dall’inizio dell’anno sono quarantaquattro gli agricoltori morti così atrocemente. E Renzi che si occupa di tutto, non ha il tempo di pensare anche a quest’aspetto. In questo momento detiene un altro record di velocità: quello del numero di morti sul lavoro che cresce come non mai da quando è stato aperto l’Osservatorio.  Ma questo credo che non lo twitty. Spero solo che a lui, a Poletti, a Martina, le segreterie non lo abbiano informato della mail che li avvertiva dell’imminente strage di agricoltori, altrimenti saremmo proprio al degrado morale e irreversibile della nostra classe dirigente, compresi i tantissimi giornalisti che dovrebbero fare informazione, non propaganda per i potenti di turno. Ho letto che un paese civile si vede da come sono trattati gli animali. I nostri amici animali sono importantissimi, ma che verso di loro sia prestata più attenzione che per la vita di chi lavora, è un vero paradosso. Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

http://cadutisullavoro.blogspot.com

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE