Sei qui:  / Blog / L’Aquila. Dipendente Cam impedisce l’uscita a due giornalisti

L’Aquila. Dipendente Cam impedisce l’uscita a due giornalisti

 

Cronisti de Il Centro bloccati nella sede del Consorzio. Sono dovuti intervenire i Carabinieri. “Episodio increscioso” per il responsabile di redazione

Il 9 gennaio due collaboratori de Il Centro, Pietro Guida ed Eleonora Berardinetti, sono stati sequestrati per un’ora e mezza all’interno del Consorzio Acquedottistico Marsicano (Cam) di Sante Marie, una frazione di Tagliacozzo nella provincia dell’Aquila, dove erano andati per fare un servizio su alcuni furti avvenuti all’interno della struttura.

Entrati nel cortile della società consortile, mentre stavano parlando con due dipendenti, un terzo operaio, che in passato era stato licenziato per furto ai danni della Cam e poi riassunto, ha inveito contro i due giornalisti dicendo: “voi non siete autorizzati a stare qui” e ordinando loro di non fare fotografie. Poi ha posizionato un furgoncino bianco del Cam davanti al cancello del cortile impedendo loro l’uscita (VIDEO).

La situazione si è risolta solo con l’intervento dei Carabinieri, chiamati dai due cronisti, che hanno ordinato al dipendente di spostare il furgoncino. Nel frattempo l’uomo ha parlato al telefono con alcuni dirigenti della società, i quali hanno comunicato ai giornalisti che avrebbero scritto una lettera di scuse per l’accaduto. Lettera che però al momento i due non hanno ancora ricevuto.

Dopo l’episodio, il presidente dell’ordine dei giornalisti d’Abruzzo, Stefano Pallotta, ha chiamato i due cronisti per esprimere solidarietà. Il responsabile della redazione di Avezzano de Il Centro, Domenico Ranieri ha pubblicato un editoriale, definendo l’accaduto “un episodio increscioso”.

Pietro Guida riferisce ad Ossigeno che anche molti colleghi suoi e di Eleonora si sono mostrati solidali. I due stanno ancora decidendo se presentare o meno deuncia per l’accaduto.

OSSIGENO

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE