Sei qui:  / Articoli / Interni / Puntare sui libri per “mettere questo mondo sottosopra nuovamente nel modo giusto”

Puntare sui libri per “mettere questo mondo sottosopra nuovamente nel modo giusto”

 

L’appello di Giusi Nicolini (nella foto) ricorda quello di un’altra donna, Jella Lepman. Giornalista, rifugiata a Londra per sfuggire alla Germania nazista, alla fine delle Seconda guerra mondiale torna in patria per lavorare sui bisogni delle donne e dei bambini per conto degli Stati Uniti. È qui che ha un’intuizione: puntare sui libri per “mettere questo mondo sottosopra nuovamente nel modo giusto”, cominciando dai bambini. E mentre la Germania cerca di rialzarsi dopo la devastazione della guerra, lei, Jella Lepman, invia un appello a venti nazioni non per chiedere, cibo, vestiti, o soldi, ma per chiedere libri, il cibo per l’intelletto. Ne arrivano quattromila con i quali allestisce la prima mostra internazionale di libri che permette a migliaia di bambini di sedersi per la prima volta al tavolo di una biblioteca e sfogliare un libro illustrato. Per Jella Lepman quei bambini, che avevano conosciuto solo l’orrore della guerra e la violenza dell’ideologia nazista insegnata sui banchi scuola, potevano diventare divulgatori di pace attraverso la lettura. Una scommessa vinta. Così Giusi Nicolini. Mentre Frontex – l’Agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne  – lancia l’allarme sui 1300 migranti sbarcati nell’ultima settimana tra Sicilia e Lampedusa, il sindaco dell’isola si preoccupa dei libri. A Lampedusa non ci sono né biblioteche né librerie. Mandateceli, chiede. L’emergenza per lei è la cultura. E la prima risposta è arrivata proprio da Jella Lepman, o meglio da IBBY, l’International Board on Books for Young People, l’organizzazione internazionale da lei fondata per promuovere i libri nel mondo, soprattutto tra i più giovani. L’idea è quella di una biblioteca per ragazzi a Lampedusa, dedicata ai bambini italiani  che vivono sull’isola e a quelli ospiti del centro di primo soccorso e accoglienza. Per conciliare la pluralità di lingue hanno scelto i “silent book”, i libri muti, illustrati perché diventino ponte tra le diversità e favorire l’incontro e la conoscenza. I libri muti sono arrivati a centinaia, come stanno arrivando libri di ogni tipo dopo l’appello di Giusi Nicolini. Perché le emergenze si superano investendo sul lungo termine. Perché le emergenze ci saranno sempre e ci vorrà gente capace di riconoscerle e affrontarle. Perché anche l’intelletto va nutrito. Perché la lettura è un modo per conoscere il mondo e le differenze ed è anche un modo per apprezzarle e imparare a rispettarle. Valeva ieri per la Germania del post nazismo, vale oggi per Lampedusa, l’isola senza biblioteche e librerie.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE