Sei qui:  / Articoli / Culture / Sanremo, Rai valuta rinvio per par condicio. Cicchitto contro Fazio e Littizzetto. Art.21: “confidiamo nel senso del ridicolo”

Sanremo, Rai valuta rinvio per par condicio. Cicchitto contro Fazio e Littizzetto. Art.21: “confidiamo nel senso del ridicolo”

 

Il Festival di Sanremo potrebbe essere rinviato: in attesa che venga definita la data dell’election day – 17-18 oppure 24-25 febbraio – in Rai valutano la possibilità di posticipare l’evento, in primo luogo per assolvere agli obblighi informativi di legge legati alla par condicio. A Viale Mazzini si sta ragionando, in particolare, sull’impatto che la campagna elettorale avrebbe sul festival, attualmente previsto dal 12 al 16 febbraio…

Il membro del cda Rai Antonio Verro per il rinvio. “Credo che l’azienda – rivela all’Adnkronos – debba cominciare a porsi il problema di un’eventuale sovrapposizione tra elezioni politiche e Festival di Sanremo. Se il Festival, oggi calendarizzato dal 12 al 16 febbraio, dovesse trovarsi a cadere nella settimana delle elezioni o in quella subito precedente, io francamente sarei per un suo rinvio”. “Occorre rapidamente prendere una decisione perché c’è il rischio da un lato di non offrire ai cittadini un’adeguata informazione in campagna elettorale e, dall’altro, di condizionare troppo il più importante spettacolo della televisione italiana».

Intanto il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto si scaglia contro Fazio e Littizzetto per l’intervento di quest’ultima a “Che tempo che fa?”. “L’ipocrisia regna sovrana nel sistema delle comunicazioni. Fra poco tempo scatta la par condicio. Epperò, proprio alla vigilia delle elezioni, il Festival di Sanremo previsto per il 12-16 febbraio 2013 sarà guidato da due personalità come Fazio e la Littizzetto che non sanno dove stia di casa l’imparzialità”. “Entrambi – aggiunge il parlamentare – già si stanno esibendo con toni marcatamente di parte e ieri la Littizzetto ci ha fatto capire quello che ci aspetta. Tutto ciò pone la presidente della Rai Tarantola e il dg Gubitosi davanti ad enormi responsabilità”.

“Nella ‘vecchia Rai’ – commenta Beppe Giulietti, portavoce di Articolo 21 – c’erano consiglieri di amministrazione e dirigenti che prendevano di mira Biagi, Santoro, Saviano, Fazio, Dandini, Littizzetto, tanto per fare solo qualche esempio. Nella ‘nuova Rai’ ci sono consiglieri e dirigenti che hanno di nuovo preso di mira Fabio Fazio e Luciana Littizzetto e, addirittura, vorrebbero spostare le date del Festival di Sanremo”. “Sono certo che la proposta non verra’ neppure presa in considerazione, anche perche’ la mancanza di senso del ridicolo potrebbe rivelarsi rovinosa anche per la ‘nuova Rai'”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE