Insulti al giornalista di Repubblica che ha scoperto i contatti tra Fratelli d’italia e il clan di Latina. “Piccolo pezzo di fango”

2 0

E’ successo di nuovo: è bastato riportare con precisione e rigore professionale gli atti di una scottante inchiesta sul clan nomade di Latina per scatenare gli istinti peggiori della rete. Questa volta ad essere preso di mira è il giornalista di Repubblica Clemente Pistilli, autore ieri mattina di un’inchiesta scoop sui contatti tra il leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il clan nomade di Latina. L’articolo riassume le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Agostino Riccardo, pentito del clan Di Silvio; alcuni dei suoi verbali sono allegati agli atti dell’inchiesta “Reset” che pochi giorni fa ha portato all’arresto di numerosi esponenti del sodalizio criminale locale e messo nuovamente in luce le anomalie della campagna elettorale per le amministrative del 2016 a Latina.

“Tu, piccolo pezzo di fango inutile, non puoi che scrivere per Repubblica, un giornale che è paragonabile ad una montagna di merda; voi inutili schiavi siete convinti di essere al di sopra del giudizio popolare; vi fate scudo del consenso di quei quattro minkioni che ancora leggono la fogna di giornale per cui scrivi, atteggiandovi a giornalisti; e invece siete solo una manica di falliti…!!!”
“Ma che giornalista (minuscolo) sei? Ma riprenditi”
“Come non ti vergogni non lo so. Sei un giornalaio. Ma non ti preoccupare, presto arriverà anche il tuo conto da pagare, tempo è galantuomo”.

Queste sono solo alcune delle molte frasi di insulti e minacce apparse sul profilo Facebook di Clemente Pistilli sotto al post che riprende l’articolo uscito sull’edizione on line di Repubblica.
“In passato queste frasi le leggevi sotto ai post di notizie sulla criminalità comune o giù di lì,  adesso capita sempre più spesso quando scrivi di politica, specie se in riferimento a indagini giudiziarie. – dice Pistilli – Succede che si apre subito una gogna social, con insulti molto pesanti e minacce; vengono sfruttati tutti i canali possibili e sembra che sia proprio una batteria organizzata. Ciò ovviamente sempre condito dall’annuncio di querela da parte del politico interessato. Un automatismo che si unisce al tifo di quella parte politica”.

 

4 thoughts on “Insulti al giornalista di Repubblica che ha scoperto i contatti tra Fratelli d’italia e il clan di Latina. “Piccolo pezzo di fango”

  1. Il fascismo non è un’ideologia, è un crimine. Detto questo, che linguaggio ci si può aspettare da gente che inneggia al ventennio???
    Ovviamente lo stesso che usano i delinquenti.

  2. Sembra che scoprire la realtà da parte di un giornalista, accorgersi di come è fatta e scriverne, venga considerato un atto rivoluzionario, o innaturale o pericoloso ed esecrabile. La magistratura indaga e, se Pistilli ha detto il falso, la Meloni ha tutto il diritto di rivalersi su di lui. Al contrario, è giusto che paghi chi non si è comportato nel solco della legge. Questa è la via praticata da un popolo civile. E’ la democrazia che, per fortuna, ancora organizza la nostra vita.

  3. Invece bisogna indagare a fondo, soprattutto a Terracina, dove in consiglio comunale hanno minacciato la dirigente locale di Legambiente per aver chiesto accesso agli atti di vendita di storici edifici pubblici venduti a privati, i cui soldi sono in parte confluiti in un conto a Lussenburgo, chiamato Savile Row (dal nome di una strada di Londra, dove forse c’è anche altro). C’è davvero molto da indagare, perchè i soci referenti e sponsors degli unici 2 partiti in consiglio, FdI e Lega, sono quelli di cui parla Agostino Riccardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.