Sei qui:  / Blog / Emergenza Covid.19: cosa è cambiato nei centri per i rimpatri delle persone migranti

Emergenza Covid.19: cosa è cambiato nei centri per i rimpatri delle persone migranti

 

Presentata oggi la relazione presentata del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale che riguarda dati e attività del 2019 e dei primi cinque mesi del 2020
Ha dichiarato Daniela De Robert, membro Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale: «L’ambito di privazione delle libertà delle persone migranti prendo spunto dal disallineamento evidenziato tra la presenza nei centri per i rimpatri (CPR) e i rimpatri forzati effettivamente realizzati. Tale discrasia non è una novità: la bassa percentuale di persone trattenute nei centri che viene effettivamente rimpatriata si è attestata in maniera abbastanza stabile negli anni intorno al 50% con un picco minimo, con il  43%, nel 2018, e un picco massimo del 59% nel 2017. Una stabilità che si mantiene a prescindere dalla durata massima di trattenimento stabilita dalla legge che si è modificata nel corso degli anni, passando da un minimo di 30 giorni fino ai sei mesi attuali.

Nei primi mesi del 2020 tale questione ha assunto un particolare e differente profilo a seguito della chiusura delle frontiere a seguito dell’emergenza Covid-19, e quindi della impossibilità concreta di realizzare i rimpatri. Il problema che si è posto non riguarda più l’efficacia del sistema ma la stessa legittimità di un trattamento amministrativo all’interno dei centri per i rimpatri in un momento in cui non vi è alcuna possibilità di allontanamento entro i termini previsti dalla legge almeno per una parte delle persone ristrette. L’applicazione o il mantenimento della misura restrittiva in questa situazione può apparire infatti priva di un suo necessario presupposto di  legittimità, cioè la realizzabilità del rimpatrio, ai sensi dell’art. 16, comma 4 della stessa direttiva rimpatri dell’Unione europea che prevede che quando risulta che non esista più alcuna ragionevole aspettativa di allontanamento per motivi di ordine  giuridico o per altri motivi, il trattenimento non è più giustificato e la persona interessata immediatamente rilasciata… Continua su cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.