Un compleanno da non dimenticare. Federica e la raccolta fondi per aiutare l’ospedale Cotugno

0 0

Federica è di Napoli ed ha appena compiuto 24 anni. Non è un dettaglio secondario in questa storia perché inizia proprio con il suo compleanno, o meglio con il desiderio di un regalo diverso. Sì perché in questa fase delicata di emergenza sanitaria il sogno di Federica, laureanda in Medicina, è quello di dare una mano concreta all’ospedale Cotugno di Napoli. Per questo motivo apre una raccolta fondi su GoFundMe con obiettivo 500 €. “Volevo invitare i miei amici a donare per questa causa – spiega Federica De Masi – Pensavo di aver chiesto troppo e invece…”. Accade infatti che la campagna viene condivisa migliaia di volte e raggiunge cifre impensabili: “Nel momento in cui abbiamo toccato i 100 mila euro ho capito che stavamo facendo qualcosa di importante tutti insieme per la nostra città contro il Covid19”. Oggi sono stati raccolti oltre 900mila euro grazie a circa 32 mila donatori: tutti i fondi sono andati nella realizzazione del reparto di terapia intensiva per accogliere persone affette da coronavirus. Si tratta del Corpo G, raccontato anche da Sky Uk, una struttura che da oltre 10 anni era abbandonata. È stata completata grazie alla direzione strategica dell’azienda ospedaliera dei Colli (Monaldi-Cotugno-CTO).

Federica intanto è diventata punto di riferimento per la comunità. In questi giorni ha preparato un esame importante ma tiene molto alla campagna di raccolta fondi che ha lanciato: “Fare la fundraiser? È un lavoro difficile! Io vorrei laurearmi e diventare medico quanto prima. Questa esperienza mi sta insegnando tanto. Ho capito la forza della rete, dell’unione per un obiettivo concreto. Ho ricevuto messaggi bellissimi ma anche qualcuno che sollevava dubbi sulla bontà della raccolta fondi – racconta Federica – Ho sempre spiegato che GoFundMe funziona così: i soldi vanno interamente al beneficiario indicato e nessuno può prelevarli pena il rimborso di tutte le donazioni. Insomma una garanzia non da poco”.

La campagna ha ricevuto l’endorsement di influencer, campioni sportivi, personaggi del mondo della televisione. “Impossibile fare una lista. Ma la cosa più bella è che migliaia di persone normali, comuni, hanno dato un piccolo contributo per realizzare questo progetto”.