Sei qui:  / Cinema / Culture / Cannes 2020. Il festival salterà o gli accreditati lavoreranno da remoto?

Cannes 2020. Il festival salterà o gli accreditati lavoreranno da remoto?

 

La Francia oggi viaggia intorno agli ottomila casi di coronavirus. Quasi 2.600 i ricoverati in ospedale, 5.000 i guariti o rientrati a casa, settecento persone in rianimazione.  Il ministro della Salute Olivier Véran ha confermato che sono state adottate “le stesse misure di contenimento in vigore in Italia e Spagna“. E come accadde in Italia con la fuga verso Sud, i francesi affollano le stazioni dei treni per lasciare la capitale. Il ministro dell’Interno, Christophe Castaner ha vietato le attività collettive e stabilito il dispiegamento di 100mila poliziotti per controllare gli spostamenti.

Alcuni giorni fa il settimanale francese “Le Point” scriveva che la 73ma edizione del Festival di Cannes, prevista dal 12 al 23 maggio 2020, sarebbe stata annullata, anche se la conferma ufficiale sarebbe arrivata nella conferenza stampa convocata per il 16 aprile. Se qualcuno sperava ancora nel miracolo, oggi non si può più credere che la manifestazione si svolga come al solito sulla Croisette: a parte il blocco dei trasporti aerei, sessanta mila visitatori quotidiani, assiepati sul lungomare di una cittadina di settantacinque mila abitanti, sarebbero l’ideale per la proliferazione del coronavirus.

Possiamo sperare per il 2020 in uno spostamento in avanti? Difficile fare previsioni perché non ci sono certezze sulla durata dell’epidemia e spazi importanti dell’estate sono già occupati da altri festival, come quello di Locarno o la Mostra di Venezia. Resta un’ultima possibilità, che Cannes quest’anno reinventi il festival da remoto, con gli accreditati che lo seguono al computer. Sarebbe la prima volta nella storia. Eppure difficile da digerire per una manifestazione che finora ha osteggiato, a differenza di Venezia, le opere distribuite in streaming da Netflix.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE