Sei qui:  / Opinioni / Morti sul lavoro. La strage continua inesorabile

Morti sul lavoro. La strage continua inesorabile

 
Mentre il Paese sta sprofondando nel baratro e lo spread vola a livelli preoccupanti, continua inesorabile la strage di lavoratori morti, nell’indifferenza generale. Oggi altri 2 operai sono morti sul lavoro.Alessandro Rosi di 45 anni di Firenze e Alessandro Vezzoli 28 anni di Romano di Lombardia.
275 lavoratori sono morti dall’inizio dell’anno. Con tutti i morti su strade ed in itinere (di cui e’ molto difficile quantificare un numero certo) siamo a circa 600 morti sul lavoro. Un bollettino di guerra oramai, una mattanza quotidiana che non fa piu’ notizia!Quella della troppe morti sul lavoro, dovrebbe essere una priorita’, un’emergenza del Paese da risolvere quanto prima, purtroppo non e’ cosi’!Un governo, quello del cosiddetto (si fa per dire) “cambiamento” che non se ne e’ mai occupato. E’ vero che le leggi ci sono.Voglio pero’ ricordare, che a 11 anni dalla sua emanazione, il Testo Unico per la sicurezza sul lavoro (Dlgs 81 del 9 Aprile 2008) non e’ ancora completamente attuato, visto che mancano ancora ben 15 decreti attuativi: sono sconcertato!
Se poi vogliamo dirla tutta, i controlli per la sicurezza sul lavoro sono ancora insufficienti, visto che il personale ispettivo delle Asl e’ ridotto “all’osso”. Come si puo’ solo sperare che le cose vadano bene, che le morti sul lavoro si riducano drasticamente, quando le aziende solo oltre 4 milioni in Italia e i tecnici della prevenzione delle Asl, meno di 2000??? Se le dovessero controllare tutte, un’azienda riceverebbe un controllo ogni 15/20 anni, quindi considerando la vita media di un’azienda, praticamente MAI.Tanta retorica, tante “lacrime di coccodrillo, ma intanto non cambia mai nulla e le morti sul lavoro continuano senza sosta, distruggendo famiglie, che il piu’ delle volte si trovano sole, con adempimenti burocratici da risolvere e processi per avere giustizia, che molto spesso si risolvono con la prescrizione o con pene irrisorie per i responsabili.Non ci siamo assolutamente.

Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE