Sei qui:  / Articoli / Culture / “Il Museo Geologico Nazionale torni nella propria storica sede”. L’appello di 100 autorevoli firmatari

“Il Museo Geologico Nazionale torni nella propria storica sede”. L’appello di 100 autorevoli firmatari

 

“Cento fra scienziati, geologi, urbanisti, scrittori, storici dell’arte, archeologi, ricercatori, restauratori, Associazioni per la tutela, chiedono ai ministri Bonisoli e Costa di scongiurare una nuova vergogna culturale nazionale ripristinando questo grande Polo della Scienza nelle casse da decenni ormai.

Un altro schiaffo alla Cultura e alla Scienza, e non soltanto a quella romana: il bel Palazzo Canevari, in Largo di Santa Susanna, sede storica del Museo e del Servizio Geologico Nazionale, perfettamente restaurato e rafforzato, è tornato in mano pubblica, dopo una grottesca e infelice, per fortuna, “cartolarizzazione” (2003) . Ma, invece di venire restituito, con le formidabili dotazioni, alle proprie storiche funzioni, è stato dal governo assegnato ad un neonato Fondo Nazionale Innovazione che potrebbe venire collocato in una delle tante sedi pubbliche disponibili e che comunque occuperà, molto probabilmente, una parte minima del Palazzo liberty voluto da Quintino Sella.

Fu proprio il ministro regista della Terza Roma, mineralogista, a volere questa città quale “capitale della Scienza e della Cultura” e il Museo Geologico Nazionale con la sua ricchissima dotazione di reperti, volumi e cartografie costituì uno dei pilastri. di valore internazionale, con la rinnovata Accademia dei Lincei (presidente lo stesso Sella), con la Sapienza, con altre istituzioni, di quella illuminata e universale concezione. E lo è stato fino alla sciagurata privatizzazione dell’edificio a fini di lucro, fino a quando il Museo non è finito, decenni fa, in una autorimessa dell’Eur imballato e incassato. Una vergogna per lo Stato italiano. Un’offesa per Quintino Sella e per tutta Roma. Per quanti come Antonio Cederna si batterono instancabili per il ripristino e la valorizzazione di quel Polo culturale scientifico.

Noi chiediamo con forza che il ministro per i Beni Culturali, Alberto Bonisoli, e quello dell’Ambiente, Sergio Costa, intervengano immediatamente  affinché il Museo Geologico Nazionale torni nella propria storica sede costituendo così uno dei Poli essenziali della Città  della Scienza e valorizzando anche gli importanti ritrovamenti archeologici del VI secolo a.C. alla sua base, e attendiamo in tal senso pronte e fondate rassicurazioni”.

Andrea Costa presidente del Comitato Roma 150

Vittorio Emiliani presidente del Comitato per la Bellezza

Sandro Conticelli, professore, presidente Associazione Nazionale Geologica Italiana (fondata da Quintino Sella)

Desideria Pasolini dall’Onda, fondatrice di Italia Nostra

Fulco Pratesi, presidente onorario Wwf Italia

Maria Rita Signorini, presidente naz. Italia Nostra

Licia Vlad Borrelli, archeologa

Claudia Conforti, docente di Storia dell’Architettura, Roma2

Rita Paris, archeologa

Paolo Berdini, urbanista

Paolo Flores d’Arcais, direttore di Micromega

Jacopo De Grossi Mezzorin, prof. Archeozoologia, Università Salento

Domenico Cosentino, prof. ord. Geologia. Università Roma Tre

L’intera Sezione romana di Italia Nostra

Myriam D’Andrea, Ispra Ambiente, resp. rete biblioteche e formazione

Carlo Alberto Ricci, geologo, già prof. a Siena, presidente Museo Naz. dell’Antartide

Aldo Tortorella, direttore di Critica Marxista

Claudia Principe, Ist. di Geoscienza e Georisorse CNR, Pisa

Giuseppe Cavaretta, già direttore Dipartimento Terra e Ambiente del CNR

Roberto Di Marco, già dir. Servizio Sismico Nazionale

Stefano De Caro, archeologo, già direttore generale Iccrom

Vezio De Lucia, urbanista

Fausto Zevi, archeologo, Accademico dei Lincei

Paolo Sommella, archeologo, Accademico dei Lincei

Tomaso Montanari, storico dell’arte, Università di Firenze

Giovanni Losavio, già pres. naz, Italia Nostra

Enzo Marzo, direttore di Critica Liberale

Paolo Isaja, Ecomuseo Ostia Antica

Marisa Dalai, prof. emerito di Storia dell’arte alla Sapienza

Gaia Pallottino, resp. coordinamento residenti Città Storica

Valdo Spini, pres, Associazione Istituzioni Culturali Italiane

Marco Di Fonzo, presidente Italia Nostra, sezione di Roma

Jadranka Bentini, storica dell’arte, presidente sez. Italia Nostra Bologna

Bernardino Osio, ambasciatore a riposo, dir. Union Latine

Donato Cioli, già direttore di ricerca CNR

Francesco Mezzatesta, fondatore LIPU, coordinatore Gruppo dei 30

Giuseppe Cederna, attore e scrittore

Gianfranco Amendola, già magistrato ed europarlamentare verde

Stefano Sylos Labini, geologo, ricercatore ENEA

Alfredo T. Antonaros, narratore

Bruno Piattelli, stilista

Paolo Baldeschi, già ordinario di Urbanistica Firenze

Franca Fossati Bellani, oncologo, già vice-direttore Istituto dei Tumori Milano

Augusto Rossari, prof. di Storia dell’Architettura di Milano

Stefano Fassina, deputato al Parlamento e consigliere comunale a Roma

Alberta Campitelli, storica dell’arte e dei giardini

Fernando Ferrigno, giornalista e scrittore

Guido Melis, ordinario di Storia dell’amministrazione alla Sapienza

Nathalie Naim, consigliere I Municipio Roma

Giancarlo Santalmassi,giornalista

Stefano Sepe, storico della Pubblica Amministrazione

Guido Pollice, presidente Verdi Ambiente Società (VAS)

Paola Donato, ricercatrice Vulcanologia e Geochimica Unical

Luigi Piccioni, storico dei Parchi, Unical

Edoardo Zanchini, vice-pres. naz. Legambiente

Claudio Meloni, per il Coordinamento Naz. FP Cgil del Mibac

Donatella Biagi Maino, docente Alma Mater Bologna

Anna Marina Foschi, cons. naz. Italia Nostra

Carlo Troilo, Roma Nuovo Secolo

Fulvio Abbate, scrittore

Carla Sepe, giurista dell’ambiente

Pino Coscetta, giornalista scrittore

Paola Pilati, giornalista

Sauro Turroni, già parlamentare Verde, architetto

Giuseppe Loteta, giornalista scrittore

Paolo Liverani, archeologo, Università di Firenze

Mirella Belvisi, vice-pres. di Italia Nostra Roma

Daniele Barbucci, architetto

Renato Parascandolo, già dirigente Rai

Pietro Brandmayr, ordinario di Zoologia Unical e dir. Museo di Storia naturale

Giorgio Panizzi, sociologo

Fernando Zucconi Galli Fonseca, già pres. Corte di Cassazione

Carlo Clericetti, giornalista

Irene Berlingò, archeologa

Carlo Pavolini, già prof. Archeologia Classica

Simone Oggioni, resp. Cultura Articolo 1

Gian Paolo Cavinato, ricercatore CNR

Giuseppe Pucci, docente archeologia

Paolo Evola, docente Estetica Accademia di Belle Arti

Valeria De Lisa

Gilberto Bonaga, Ingegneria Bologna, ricercatore geologia applicata

Roberto Bencini, geologo. socio della Soc. Geologica Italiana

Vittorio Sartogo, coordinatore Associazioni Mobilità Alternativa Lazio

Alix Van Buren, Amici di Villa Borghese

Annarita Bartolomei

Anna Scalfati, giornalista, ambientalista

Francesca Narnelli, storico dell’arte, ex funzionario Mibac

Cristina Anghinetti, archeologa

Maria Concetta Capua, restauratrice BC Koinè

Emanuela Sestieri

Tiziana Noce, Unical

Giovanni Accordi, già primo ricercatore CNR

Giulia Tamanti, già Ist. Superiore Conservazione e Restauro

Giorgio Bauducco

Elio Bianchi

Paolo Torresan, architetto e urbanista

Giovanni Ferrario, architetto

Maria Rita Bozzetti, medico poeta

Natural Survival, Marco Priori

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.