Sei qui:  / Blog / Sudan, le donne della rivoluzione che ha deposto al-Bashir

Sudan, le donne della rivoluzione che ha deposto al-Bashir

 

[Traduzione a cura di Elena Intra dall’articolo originale di Sondos Al Ali e Nazik Awad pubblicato su openDemocracy]

Nota: mentre curavamo questo articolo, prima è circolata la foto iconica di Alaa Salah, donna simbolo delle proteste, e poi la notizia dell’arresto del presidente Omar al-Bashir.

Dopo 30 anni di oppressione e umiliazioni, le donne sudanesi stanno reagendo contro lo Stato islamista del Sudan.

dicembre, di fronte alla peggiore crisi economica degli ultimi decenni, i pesanti aumenti del costo della vita hanno scatenato le proteste. Le famiglie povere sono state colpite duramente e questo ha spinto le donne che ogni giorno mettono il cibo in tavola, a organizzarsi tramite WhatsApp e Facebook e radunare le persone per sfidare il regime autoritario.

Da allora le donne hanno continuato a condurre dimostrazioni pacifiche per le strade, chiedere azioni di disobbedienza civile e sfruttare i social media per le proteste. Da tre mesi dottoresse, avvocate, studentesse, insegnanti e mamme casalinghe guidano la #SudanUprising, in quella che è la rivolta più potente contro il regime nella storia recente.

Ma la leadership femminile, come nel caso di altri innumerevoli contesti, viene raramente riconosciuta dai media. Quando se ne parla, le donne sono viste partecipare alle proteste come “congiunte” – piuttosto che essere rappresentate come leader.

Lo Zagrouda (o il canto delle donne) è diventato il segnale di “richiamo” per le proteste nelle strade. Quando le persone sentono queste voci femminili sanno che si tratta di una chiamata alla rivoluzione e che è ora di iniziare la loro marcia.

Sia donne che uomini hanno affrontato coraggiosamente munizioni, lacrimogeni e pesanti manganelli di metallo usati contro di loro. Ma la maggior parte dei manifestanti uomini direbbe apertamente che sono le donne in prima linea ad averli incoraggiati a continuare a marciare.

Questo è un aspetto strettamente collegato alla cultura locale sudanese, in cui storicamente le donne cantavano e scrivevano poesie per sostenere gli uomini durante le guerre. Tuttavia, c’è un tocco moderno, più femminista, in questo ruolo tradizionale, perché in queste proteste le donne sono passate dalle retrovie all’avanguardia.

Non sorprende che siano le donne a condurre la lotta contro il Governo islamista del Sudan, dal momento che proprio loro sono sempre state il nemico principale del fondamentalismo religioso e politico del regime.

Le leggi sull’ordine pubblico e le leggi di statuto personale imposte dal 1991 impediscono alle donne di indossare quello che vogliono, lavorare o anche camminare per le strade come preferiscono, stabilendo allo stesso tempo norme restrittive come la tutela maschile (male guardianship) e il dovere di “obbedienza della moglie.

Inoltre, il presidente sudanese Omar al-Bashir è stato accusato dalla Corte Penale Internazionale di crimini contro l’umanità, in particolare per il suo ruolo nell’organizzazione di stupri di… Continua su vociglobali

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE