Sei qui:  / Blog / Zimbabwe in rivolta, il prezzo per le donne: lo stupro

Zimbabwe in rivolta, il prezzo per le donne: lo stupro

 

[Traduzione a cura di Elena Intra dall’articolo originale di Sally Nyakanyanga pubblicato su Open Democracy.]

Il corpo di una donna non è considerato suo e chiunque lo vuole, può averlo, così Thando Makubaza, attivista per i diritti delle donne dello Zimbabwe, ha spiegato le recenti accuse di violenza sessuale contro le donne da parte dell’esercito. “Le donne sono più dei loro corpi, hanno sentimenti, cervelli e aspirazioni – ma non sono prese sul serio“, ha continuato.

I corpi delle donne vengono usati come armi da guerra da tempo immemorabile, e l’esperienza delle donne in Zimbabwe durante gli ultimi disordini civili, non fa eccezione.

Le proteste sono scoppiate il 12 gennaio quando il Governo, nel mezzo di una crisi economica ormai fuori controllo, ha annunciato un immediato aumento dei prezzi del carburante di oltre il 150% .

L’organizzazione del Congresso dei sindacati dello Zimbabwe (ZCTU) ha chiesto un “blocco nazionale” di tutte le attività e uno sciopero. I manifestanti hanno dato fuoco a una stazione di polizia, barricato strade con grandi pietre e saccheggiato negozi nelle principali città del Paese.

Il Governo ha ordinato un blackout di Internet per impedire ai manifestanti di mobilitarsi, mentre le forze di sicurezza hanno risposto alle dimostrazioni con munizioni vere, proiettili di gomma e gas lacrimogeni.

Secondo la Commissione per i diritti umani dello Zimbabwe (ZHRC), la notte del 14 gennaio soldati armati e la polizia hanno iniziato a visitare le case dei cittadini , sottoponendoli a “pestaggi duri e indiscriminati.

Le donne sono state le più colpite dagli aumenti dei prezzi delle materie prime di base e anche loro si sono unite alle proteste. Alcune hanno subito violenza sessuale da parte delle forze di sicurezza, tuttavia questo aspetto della repressione dei manifestanti è stato sottovalutato.

Il problema, ha detto Makubaza, è che molte temono rappresaglie. Hanno paura di denunciare gli stupri alle stesse autorità che per prime hanno perpetrato i crimini.

Ha raccontato di casi precedenti in cui le autorità non erano gli autori dei crimini, ma “le donne che provavano a sporgere denuncia, finivano per essere rimproverate, accusate di essere vestite in modo improprio, o di aver provocato l’abuso con il loro comportamento“.

Le donne in Zimbabwe guadagnano tre volte meno degli uomini, costituiscono la maggior parte dell’economia informale e presentano tassi di disoccupazione più alti. Inoltre, controllano meno terre.All’interno del programma nazionale di ridistribuzione delle terre alla maggioranza nera che ne è sprovvista, solo il 18% delle donne ha acquistato fattorie su piccola scala, e un ancor più basso 12% fattorie più grandi per uso commerciale.

L’abuso sessuale è diffuso. Secondo l’Ufficio statistico dello Zimbabwe, tra il 2010 e il 2016, c’è stato un aumento dell’81% delle violenze sessuali con almeno 22 donne violentate ogni giorno, e molte di loro non hanno denunciato tali episodi… continua su vociglobali

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE