Sei qui:  / Articoli / Informazione / Iniziative Articolo21 / Italia che Resiste. Articolo 21 aderisce alle manifestazioni del 2 febbraio. “Per i diritti umani, per gli ultimi, contro i linguaggi d’odio”

Italia che Resiste. Articolo 21 aderisce alle manifestazioni del 2 febbraio. “Per i diritti umani, per gli ultimi, contro i linguaggi d’odio”

 

Articolo 21 aderisce alle manifestazioni in programma sabato 2 febbraio di fronte ai municipi di tutti i capoluoghi di provincia del territorio regionale autoconvocate da cittadini e associazioni. “I valori di accoglienza, apertura e convivenza garantiti dalla Carta Universale dei Diritti Umani e dalla Costituzione vanno difesi, oggi come ieri. Per questo – spiega Stefania Pellegrini, portavoce Articolo21 Emilia-Romagna – saremo presenti nelle piazze, da Piacenza a Rimini, affinché prevalgano nella nostra società azioni, parole, gesti e politiche che mettano il rispetto dei diritti umani e la difesa dei più deboli al primo posto”. La professoressa Pellegrini parteciperà alla manifestazione prevista di fronte a palazzo d’Accursio, a Bologna; mentre Mattia Motta, giornalista, vice segretario della Federazione nazionale della Stampa sarà presente a Piacenza, di fronte a palazzo Mercanti, sede del Comune.

Si tratta di un’Autoconvocazione spontanea di cittadini e associazioni per dare vita ad una catena umana attorno a tutti gli edifici di tutti i Comuni Italiani.

Nell’appello, pubblicato sulla pagina Facebook Resistenza 2 febbraio, si legge: “Perché abbiamo scelto di resistere alle scelte inumane di chi vorrebbe lasciar morire in mare chi scappa dalla guerra, dalla fame e dalla povertà. Perché non si torni indietro mai più. Porta con te un simbolo del salvataggio in mare. La manifestazione del 2 febbraio nasce come reazione spontanea di un gruppo di cittadini impegnati nel sociale davanti al quotidiano sfoggio di barbarie e crudeltà. La nostra aspirazione è quella di far passare il concetto che siamo dei normali cittadini intenzionati a contrastare politiche di governo che vanno in modo antistorico riportando nel nostro paese razzismo e xenofobia”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.