Sei qui:  / Articoli / CAMPANIA / Informazione / Articolo21 Campania solidale con il Tgr Campania per le inaccettabili dichiarazioni del Governatore De Luca

Articolo21 Campania solidale con il Tgr Campania per le inaccettabili dichiarazioni del Governatore De Luca

 

NAPOLI. Anche Articolo21/Sezione Campania è vicino ad Antonello Perillo e ai colleghi del Tgr Campania per le inaccettabili dichiarazioni del governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Nello spazio di una televisione privata salernitana, che da anni lo vede  protagonista, il presidente si è scagliato con inconcepibile veemenza contro il servizio pubblico radiotelevisivo. “La terza Rete  – ha dichiarato – ha fatto delle cose di una gravità inaudita contro la regione Campania e contro la verità”. E poi ha elencato una serie di presunte disattenzioni della Tgr Campania verso iniziative da lui ritenute importantissime. La prima accusa è stata questa: “Mercoledì mattina abbiamo presentato il Piano regionale dei trasporti. Il Tgr non ha dato neanche la notizia. E’ uno scandalo”. Vittorio Di Trapani (segretario dell’Usigrai), Claudio Silvestri (segretario del Sindacato Unitario giornalisti della Campania) e il Cdr del Tgr Rai Campania gli specificano che “probabilmente mal informato, a guardare il Telegiornale delle 19,35 per ascoltare il servizio andato in onda e l’intervista da lui rilasciata”.

Poi il secondo ammonimento di De Luca: “Sabato alle 14 non viene data nemmeno la notizia della conferenza stampa sul Piano ospedaliero e viene mandato in onda solo un minuto nel notiziario delle 19,35, prima delle notizie sportive e senza titolo”. Silvestri, Di Trapani e il Cdr, invitano il Presidente “a guardare il telegiornale delle 14 di quel giorno, per rendersi conto della cronaca che ha stravolto l’impaginazione del notiziario (obbligandoci a una inevitabile scelta dei titoli) e il telegiornale delle 19,35 dove il servizio sul Piano ospedaliero è andato in onda anche stavolta corredato da una sua intervista, non alla fine del telegiornale come lui lascia intendere, ma a metà del notiziario, subito dopo le tragiche notizie di cronaca (questo l’elenco: slavina a Roccaraso con due campani travolti, violenze baby gang, intervista al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei Minori sulle baby gang, appello del cardinale Sepe dopo gli atti di violenza tra minori, omicidio a Teverola)”. “Il Presidente, inoltre – continuano – omette di specificare, o forse dimentica, che il giorno successivo il tema è stato trattato con un ulteriore servizio di approfondimento di oltre 2 minuti, corredato da grafica digitale per descrivere al meglio le novità del Piano da lui presentato”. “Premesso – scrivono, i rappresentanti delle forze sindacali – che il Governatore della Regione Campania dovrebbe avere compiti diversi da quello di decidere la durata dei servizi o il loro ordine di messa in onda (ruolo egregiamente svolto dal nostro caporedattore, territorialmente responsabile delle scelte editoriali del Tgr Campania), ci dispiace constatare che la massima istituzione regionale immagini che la Tgr sia un suo personale ufficio stampa”.
Ritengono “le parole utilizzate dal Governatore (“un atto di censura politica”) gravemente lesive della dignità dell’intera redazione, che mai consentirebbe un’informazione che occulti la verità. Forse abituato a monopolizzare l’informazione dalle tribune delle televisioni private, De Luca ha dimenticato il ruolo super partes del servizio pubblico radiotelevisivo”.

Inaccettabili le parole indirizzate al collega che abitualmente segue la politica, definito “un turista, uno zerbinotto, vestito come un personaggio da operetta, assunto in maniera clientelare”. “Affermazioni – scrivono ancora – per le quali il Governatore dovrà rendere conto in tutte le sedi opportune”. Dando “massima solidarietà al collega che con comprovata correttezza ha sempre garantito l’assoluta imparzialità nel seguire l’informazione politica”.
“Nei prossimi giorni faremo un monitoraggio dei servizi”, minaccia De Luca. “Anche qui senza averne alcun titolo, mostrando un evidente disprezzo per la ripartizione dei poteri. Ma paradossalmente ne siamo lieti, perché in questo modo il Governatore, guardando con maggiore attenzione i nostri telegiornali, potrà rendersi conto della correttezza e imparzialità dei nostri servizi. Ricordandogli che, soprattutto nel periodo elettorale, il nostro lavoro è già ampiamente monitorato dall’Osservatorio di Pavia e da organismi che tutelano il pluralismo politico come la Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai”.
“Abbiamo avuto sempre la schiena dritta e non abbiamo mai abbassato la testa – spiegano dal Tgr Campania –  di fronte ad alcuna minaccia. Non lo faremo certo stavolta. La nostra risposta, come sempre, sarà la qualità del nostro lavoro. Più volte, in passato, apprezzato dallo stesso Governatore.
Dall’azienda, chiamata in causa anche per un attacco a ‘Presa Diretta’, ci aspettiamo una forte e immediata azione a tutela della professionalità e dell’onorabilità dei giornalisti del servizio pubblico radiotelevisivo”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE