Sei qui:  / Africa del Nord e Medioriente / Articoli / Esteri / Informazione / Etiopia, giornalista “rivoltoso” condannato a un anno e mezzo

Etiopia, giornalista “rivoltoso” condannato a un anno e mezzo

 

In un giorno comunque nero per la libertà di stampa in Etiopia, Getachew Shiferaw ha appreso che tornerà presto in libertà. Il 26 maggio l’Alta corte federale lo ha giudicato colpevole di “promozione e preparazione di una rivolta”, condannandolo a un anno e mezzo di carcere. Essendo stato arrestato il 25 dicembre 2015, la pena l’ha praticamente già scontata. In precedenza redattore di un’agenzia di stampa governativa, Getachew al momento dell’arresto era il direttore di Negere Etiopia, un quotidiano online legato al Partito Blu, di opposizione.

Il suo “reato” è stato unicamente quello di denunciare la repressione delle proteste in corso dalla metà del 2015 nella regione di Oromia, riprendendo peraltro informazioni già pubbliche.

Pochi giorni fa l’ex portavoce del Partito Blu, Yonatan Tesfaye, è stato condannato a sei anni e mezzo per dei post che avrebbero incitato alla violenza. All’inizio dell’anno due giornalisti di Radio Bilal, Kalid Mohammed Ahmed e Darsema Sori Banqash, erano finiti in carcere con accuse di terrorismo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE