Sei qui:  / Articoli / CAMPANIA / Dal Territorio / Diritti / Napoli, presentato il calendario dell’Anef per i disabili

Napoli, presentato il calendario dell’Anef per i disabili

 

Dodici scatti contro l’indifferenza, questo il significato del calendario realizzato dall’associazione Anef (Accà nisciun è fesso). L’acronimo in napoletano significa che nessuno qui è stupido e non è possibile quindi prendere in giro chi vuol far del bene. Con questo spirito la presidente dell’associazione, Carmen Manfellotto, ha salutato la presentazione del nuovo calendario, i cui proventi di vendita saranno destinati alla causa principale dell’Anef: offrire terapie domiciliari gratuite ai bambini disabili.

Ad Articolo 21 la presidente anticipa le iniziative dell’anno a venire: «Stiamo cercando di garantire supporto psicologico per i genitori di ragazzi diversamente abili ma si rinnova comunque  il nostro claim: ‘adotta un bambino disabile, regala ore di terapia’». Alla presentazione, svoltasi nella sede del main sponsor, la Banca di credito cooperativo di Napoli, erano presenti oltre alla presidente Manfellotto, anche Amedeo Manzo, Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli, don Tonino Palmese, vicario episcopale della Curia di Napoli, i fotoreporter Salvatore Ecuba e Salvatore Bolognino, Astrid Rosolino, proprietaria del ristorante Rosolino, Manuela Greco di Adv, e Marisa Tavano, mamma di Gaia, mascotte dell’associazione.

Ed è Gaia, insieme ad altri piccoli diversamente abili, a posare con un sorriso disarmante negli scatti che caratterizzano il calendario Anef 2017, accompagnata da Serena Rossi, gli Audio 2, Nino Buonocore, Claudia Megrè e Claudia Mercurio.

E gli stessi replicheranno domenica 18 dicembre al gran Galà Anef, presso il celebre ristorante Rosolino, nella splendida cornice del lungomare partenopeo.

Parte dei proventi della serata, unitamente alla vendita dei calendari, saranno devoluti a sostegno dei progetti di fisioterapia, psicomotricità e logopedia per i bambini per cui l’Anef è attiva. Dal sito dell’associazione (http://www.anefitalia.it/) è possibile conoscere dettagliatamente le attività e i volti dei volontari in campo contro l’indifferenza.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE