Sei qui:  / News / Solidarietà e vigilanza sugli hotspot, a fianco di Amnesty International. Un appello lanciato da ADIF (Associazione Diritti e Frontiere) e LasciateCIEntrare

Solidarietà e vigilanza sugli hotspot, a fianco di Amnesty International. Un appello lanciato da ADIF (Associazione Diritti e Frontiere) e LasciateCIEntrare

 

Lo scorso 3 novembre, Amnesty International ha pubblicato il rapporto “Hotspot Italia: come le politiche dell’Unione europea portano a violazioni dei diritti di rifugiati e migranti”, in cui denunciava gli episodi di violenza, detenzione arbitraria e illegalità che da tempo si registrano nel sistema italiano di identificazione e accoglienza. 

Basandosi su un accurato lavoro di raccolta di testimonianze, i ricercatori hanno tratteggiato un quadro di sistematica violazione di principi costituzionali e convenzioni internazionali, segnalando anche casi di tortura.

Anziché suscitare una pronta reazione istituzionale volta a verificare la realtà dei fatti e individuare le eventuali responsabilità, la denuncia di Amnesty è stata accolta con sprezzante alterigia (“cretinaggini” e “falsità” “costruite a Londra”) e minacce di denuncia. 

Il generale clima di isolamento e l’attacco alla credibilità di Amnesty e alle sue modalità di ricerca, comprovate da anni in tutto il mondo, ci hanno spinto a lanciare un appello per far quadrato attorno alla storica organizzazione internazionale per i diritti umani e per chiedere un’indagine indipendente.  

L’appello, dapprima rivolto alle ong e alle associazioni, ha visto convergere forze politiche e sindacali, realtà di movimento e di sostegno e tutela dei migranti, laiche e religiose, a cui si sono uniti avvocati, giornalisti, attivisti, uomini e donne di cultura, europarlamentari di diversi Paesi e gruppi politici, che vogliono esprimere gratitudine per l’insostituibile lavoro di tutela dei diritti svolto da Amnesty e preoccupazione per pressioni che potrebbero intaccare l’indipendenza del lavoro degli osservatori delle ong e della società civile.

Continuano a giungerci adesioni, sia di associazioni, ong, forze sociali e politiche, sia di semplici cittadini. 

Aggiorneremo quotidianamente l’elenco.

ADIF (Associazione Diritti e Frontiere)

Campagna LasciateCIEntrare

>> Per leggere  l’appello e l’elenco dei firmatari, clicca qui.

>> Per adesioni,  info@a-dif.org – info@lasciatecientrare.it

>> Per condividere la notizia sui social, qui.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE