Sei qui:  / Articoli / Informazione / Interni / La Costituzione “spezzata” da una riforma sbagliata

La Costituzione “spezzata” da una riforma sbagliata

 

Tra i diversi i volumi che in questo periodo sono usciti nelle librerie per illustrare i contenuti della nuova riforma della Costituzione, quello di Andrea Pertici si distingue non solo per la sua completezza e per la chiarezza del linguaggio, ma soprattutto per la capacità di offrire al lettore preliminarmente  un contesto storico, politico ed istituzionale.Questo lavoro di ricostruzione e di analisi è importante perché, al di là della indispensabile lettura e interpretazione delle norme, è necessario a chi voglia affrontare più da vicino il contenuto di una così importante riforma, poter cogliere il senso, la direzione complessiva di marcia e soprattutto il confronto con la situazione precedente.

Vi sono poi questioni di metodo e di merito che si intrecciano.Una delle obiezioni fondamentali, in termini di metodo, che si ritrova oggi nel libro, era stata avanzata dal prof. Enzo Cheli, riguarda proprio il fatto che il Presidente del Consiglio abbia voluto “accompagnare” la riforma costituzionale, prima, ed il referendum costituzionale, poi, da una sorta di “fiducia” sulla sua persona. Dice Cheli: “Su questo aspetto vorrei comunque dire che considero un errore istituzionale grave voler dare a questo referendum il significato di un voto popolare di fiducia sul Governo, annullando la linea distintiva che, specialmente in un ordinamento come il nostro – caratterizzato da un alto grado di disomogeneità – dovrebbe sempre distinguere la politica costituzionale dalla politica governativa”. Questi concetti si ritrovano anche nel documento negativo sulla riforma sottoscritto da 56 costituzionalisti e promosso da Valerio Onida. In questi ultimi giorni il Presidente del Consiglio sembra aver attenuato questa impostazione, che indubbiamente lo danneggia, ma la propaganda continua a battere quasi esclusivamente sulla stabilità e sui rischi di ingovernabilità in caso di vittoria del No.
Spostare il quesito e soprattutto la ragione principale della risposta in un consenso o meno sull’azione di Governo è indubbiamente un grave errore, ma un errore o una deformazione non meno grave è quella di “riassumere” la riforma in alcuni principi che non corrispondono affatto al contenuto delle disposizioni che la caratterizzano.

Non mi soffermo in modo particolare sull’equivoco che accompagna il messaggio sulla riduzione dei costi della politica che vengono rappresentati come rilevanti ed invece sono assolutamente marginali e sui quali fornisce risposte molto ben documentate questo libro di Pertici. M’interessa fare solo un rapido accenno al tema della semplificazione dei processi normativi sul quale molti si esercitano, nella comunicazione pubblica. Quest’affermazione contiene ben due errori in uno stesso contesto. In primo luogo quello di considerare la semplificazione del processo normativo costituzionale un valore in sé positivo, mentre tutti riconoscono che viviamo in una società complessa che esige raffinate procedure di sintesi. In secondo luogo dire che questa riforma semplifica il processo normativo è un radicale capovolgimento della realtà, visto che sostituisce al classico ed unico procedimento  che tutti conosciamo (art.70 Cost.), la bellezza di almeno sette procedimenti inquadrati in una vera corsa ad ostacoli che probabilmente finirà davanti alla Corte costituzionale.

Un altro equivoco sul quale Pertici richiama l’attenzione è quello rappresentato dalle dichiarazioni molto decise sul fatto che la riforma costituzionale non toccherebbe in alcun modo il tema della forma di Governo: infatti si dice che non è formalmente affrontato il capitolo costituzionale che la riguarda. Niente è più inesatto di questa affermazione. La forma di governo non è infatti trattata nel solo titolo III della seconda parte, ma in varie parti della Costituzione ed anche in alcune importanti leggi ad essa collegate. Basterebbe fare l’esempio della legge elettorale e, perché no, anche dalla legge che disciplina la “governance” della televisione pubblica, per capire che il discorso è un poco più complesso.

La forma di governo si basa evidentemente sul peso dei diversi organi costituzionali non solo in sé ma anche nei rapporti reciproci. Ebbene volendoci limitare solo al ruolo del Governo in Parlamento, sia pure con riferimento specifico al capitolo della produzione normativa, è difficile negare che questo ruolo risulti molto accentuato e di converso ridotto quello del Parlamento.
Tutti sanno che nella situazione attuale, a causa di una serie di patologie, collegate a decreti legge, maxiemendamenti e fiducie, il Governo abbia un peso già molto rilevante nella creazione delle fonti normative.
Dopo questa riforma il Governo avrà una forza ancora maggiore rispetto al periodo precedente.
Restano inalterate alcune sue prerogative nella possibilità di ottenere deleghe, con principi e criteri direttivi che la prassi ha reso sempre più evanescenti e nella possibilità di chiedere la fiducia a ripetizione su un numero enorme di provvedimenti.
Si aggiungono importanti novità che certamente avvantaggiano il Governo. In primo luogo si dispone che  la fiducia debba essere richiesta ad una Camera soltanto e per l’appunto a quella dove la legge elettorale (che potrebbe cambiare ma che comunque è molto recente) gli attribuisce una sicura e fidata maggioranza.

In secondo luogo se il Governo avrà alcuni limiti maggiori nell’utilizzazione dei decreti legge (nuovo art.77) avrà per contro la possibilità di utilizzare il “voto a data certa” o la cd “corsia preferenziale” (art.72, ultimo comma).  Si stratta di uno strumento del tutto nuovo che la norma costituzionale appena introdotta rimette sostanzialmente alla discrezionalità dell’Esecutivo, senza idonei contrappesi a favore del Parlamento e delle opposizioni.

In conclusione: queste sono solo alcune delle ragioni che mi portano ad apprezzare fortemente questo lavoro. Per il resto posso ripetere quanto osservato all’inizio e cioè che questo libro di Pertici, dal titolo molto intrigante (La Costituzione spezzata), aiuta a svelare alcuni aspetti della riforma che una lettura ufficiale e stereotipata, spesso amplificata dai mezzi d’informazione,  vorrebbe, invece, non troppo garbatamente, nascondere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE