Sei qui:  / Blog / LasciateCIEntrare: 20 giugno dedicato alla verifica del sistema d’accoglienza

LasciateCIEntrare: 20 giugno dedicato alla verifica del sistema d’accoglienza

 

Fatta richiesta per l’accesso di strutture in tutta Italia: importante garantire l’ingresso di organizzazioni, giornalisti e avvocati, per svolgere attività di monitoraggio e denuncia

LasciateCIEntrare, con il sostegno di Fnsi, Ordine dei Giornalisti, Usigrai, Carta di Roma e Articolo 21 ha scelto di dedicare il 20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato, alla verifica delle condizioni delle strutture d’accoglienza per migranti italiane, facendo richiesta alle prefetture competenti affinché sia consentito l’accesso di delegazioni composte da organizzazioni della società civile, giornalisti e avvocati. Cas, Cara, Cie e hotspot sono l’obiettivo di questa iniziativa, che ha come scopo quello di garantire l’accesso all’interno dei centri, unica modalità attraverso la quale è possibile continuare a monitorare e denunciare le eventuali violazioni dei diritti umani.

Il centro di Conetta

L’ultima visita all’interno di un centro è stata realizzata il 10 giugno da LasciateCIEntrare e Melting Pot Europa, che hanno avuto accesso a una ex base militare oggi utilizzata come Cas, in provincia di Venezia.

Si tratta della struttura situata nel piccolo borgo di Conetta: tende e casolari con letti a castello alternano nel centro che al momento ospita 620 persone provenienti da oltre 25 paesi diversi, 80 in più rispetto al tetto massimo previsto. Diverse le criticità osservate: sovraffollamento, mancanza di mediatori linguistici per gli ospiti eritrei, situazioni individuali di criticità.

Critiche anche le modalità attraverso le quali si è svolta la visita, sotto lo stretto controllo della prefettura, dell’ente gestore e di alcuni operatori. Ogni contatto diretto contatto con gli ospiti, fa sapere LasciateCIEntrare, ha avuto luogo sotto l’osservazione dei responsabili e, aggiunge, “i mediatori presenti hanno fatto intendere ai migranti che gli attivisti della delegazione erano carabinieri”. Non è inoltre stato possibile scattare foto, nonostante una troupe Rai avesse in precedenza realizzato un servizio all’interno della struttura.

Da cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE