Sei qui:  / Blog / In bici dalla Russia alla Norvegia, le nuove rotte dei profughi

In bici dalla Russia alla Norvegia, le nuove rotte dei profughi

 

In Norvegia, attraversando il confine della Russia artica in bici: è una delle nuove rotte dei profughi siriani. Partono da Beirut in aereo e sbarcano a Murmansk, pagando dai 10mila ai 40mila rubli (tra i 140 e i 550 euro), per farsi accompagnare in taxi prima in città, dove comprano una bicicletta di seconda mano, e poi a Nikel, una località a sette chilometri dall’agognata meta scandinava.

Gli ultimi chilometri li fanno, appunto, sulle due ruote per rispettare la legge russa, secondo la quale non si può attraversare il confine a piedi. In precedenza, i tassisti locali li portavano oltre la frontiera, ma ora non lo fanno più perché la polizia norvegese li multa pesantemente, con ammende che possono arrivare a 700 euro, accusandoli di traffico di rifugiati. In totale, il viaggio da Beirut può costare fino a 1.500 euro, ma è più sicuro di quello via Mediterraneo. Ed è anche più facile, dato che ai siriani il visto turistico russo viene concesso senza problemi. Secondo fonti internazionali, sono circa 1.500 i profughi che negli ultimi due mesi hanno pedalato dalla Russia alla Norvegia. (Repubblica)

Il video su sanfrancesco

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE