Sei qui:  / News / Rai: lottizzazione nelle nomine? Per me no

Rai: lottizzazione nelle nomine? Per me no

 

L’indicazione dei due consiglieri della Rai da parte di alcune associazioni è una diversa modalità di lottizzazione?
Secondo Di Pietro, Il Manifesto ed altri commentatori, sì.

Per me no.
Perché la lottizzazione c’è quando ognuno propone uno dei suoi e l’appartenenza diventa dominante rispetto alla competenza. Così, la ricerca esasperata di un equilibrio tra “lotti” finisce per lasciare del tutto in secondo piano le capacità degli indicati.

Al contrario, Benedetta Tobagi e Gherardo Colombo non sono “soci” delle associazioni che li hanno scelti.
Né la discussione che ha condotto a questa decisione è stata condizionata dalla ricerca di equilibri di forze.
La priorità è andata invece ai criteri, alle qualità delle persone e alla loro capacità di mettersi a servizio dell’interesse generale di una Rai che dovrà diventare dei cittadini, come in molte nazioni d’Europa.

Tutto bene, quindi? Certamente no, per ottenere un servizio pubblico indipendente la partecipazione va allargata e regolata; ma non si parte da zero, perché proposte organiche e innovative ci sono da tempo (De Zulueta, Zaccaria ed altri).
Ma questa vicenda è stata comunque un segnale importante di apertura per il PD che lo ha dato e per le associazioni che lo hanno colto, Un’occasione che ha fatto capire che decidere è difficile, ma se tutti hanno come priorità l’interesse generale, l’intesa si trova. E su donne e uomini di qualità.
Che sono molti, dentro e fuori dai partiti.

* Libertà e Giustizia di Roma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE