Informazione

Giornalisti “postini”? Questo il futuro della professione? Appunti per un Forum

5340305387_7ec857223d_z

Il videomessaggio di un cittadino condannato in via definitiva è solo l’ultima clamorosa manifestazione di quel conflitto di interesse che, da un ventennio, inquina il panorama politico e mediatico nazionale. Spedito alle tv, quasi fossero una buca delle lettere (per riprendere le parole di Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai), simboleggia il tentativo ancora in atto di realizzare una Repubblica presidenziale a videomessaggio unificato. In questo contesto non ci sarebbe più spazio per il ruolo del cronista, per il contraddittorio, perché inchieste e domande sono considerate fastidi da eliminare, da oscurare (e Berlusconi non è il solo a pensarla così…) Non a caso, come nella stagione della P2, tornano al centro del mirino i poteri di controllo, dalla magistratura all’informazione, e il ruolo della contrattazione, compresa quella dei giornalisti. Per realizzare questo inquietante scenario servono “giornalisti-postini”, senza contratti e senza diritti, e pronti a trasmettere il videomessaggio di turno, di ogni tipo e natura. Purtroppo bisogna anche aggiungere che non sono pochi i giornalisti che hanno trasmesso e trasmettono i videomessaggi di turno rinunciando spontaneamente a svolgere qualsiasi funzione di verifica e di controllo e tradendo le ragioni fondative e deontologiche della professione. Per costoro il committente viene prima del diritto ad informare e ad essere informati. Anche per questo l’Italia continua ad occupare posizioni indecorose in tutte le graduatorie internazionali in materia di libertà di informazione. Di fronte a questo quadro la reazione é troppo debole, comunque affidata a pur giuste battaglie di associazione o di sindacato. Forse è giunto il momento di ricostruire un progetto, di aggiornare analisi e azioni, di aprire le porte alle nuove frontiere del giornalismo, a chi è stato messo ai margini, alle troppe periferie del mondo oscurate e cancellate. Di avviare una riflessione sul web e sui nuovi media, sull’esercito dei potenziali “citizen journalists”, e di un’“informazione liquida” che scorre ad altissima velocità e che deve vedere impegnato il giornalista nell’approfondimento, nella verifica e nell’attendibilità delle notizie. Un tempo, a Fiesole e non solo, si era soliti ritrovarsi per ragionare fuori da ogni schema di parte, di partito, di corrente sindacale. Ora più che mai ai vecchi contenitori non corrispondono piú le situazioni mutate. Non sarà il caso di riaprire porte e finestre ad un dibattito nuovo?

__________________

Articolo21 ha deciso di aprire con questo intervento del direttore Stefano Corradino un forum sul ruolo dei giornalisti tra videomessaggi, conflitti di interessi, censure ed autocensure, precarietà, nuove frontiere dell’informazione… Invitiamo tutti coloro che intendono partecipare al dibattito a scrivere alla mail redazione@articolo21.info 

19 settembre 2013
 
 

Articoli correlati

4 commenti

  • Maria Pia scrive:

    E’ sempre più difficile fare un’informazione obiettiva. Non esistono più gli editori puri e i direttori, anzichè essere i “primi giornalisti” all’interno della redazione, per altro difesi e tutelati dal Cdr, sono manager aziendali. Ma quello che stupisce è che Berlusconi è politicamente alla frutta, perché rincorrerlo? Evidentemente i suoi interessi sono potenti, estesi e ramificati

  • Aldo Rotolo scrive:

    Come dire…da parte di un vecchio militante della “controinformazione” (che poi è l’unica informazione degna di questo nome…) avanti con brio e sempre disponibile, anche in nome di quello che nel lontano 1975 (lontano,eh?!?) chiamacamo a RadioCittàFutura il “nuovo modo di fare informazione”.
    Buon lavoro e tenetemi informato PFV
    Aldo Rotolo

  • Aldo Rotolo scrive:

    …per la cronaca quel tipo strano che circolava per il cortile di S.Ivo alla Sapienza con un panam in testa e la maglietta “Berlusconi,facci il miracolo,SPARISCI” era il sottoscritto che lì ci fa il serio funzionario dello Stato…;-)

  • Nino Lisi scrive:

    Capisco che con le televisioni ed i giornali che possiede lanciare una “congiura del silenzio” è impossibile. Ma quanto mi piacerebbe leggere e sentire d’altro. Non se ne può più! Sono tanti gli argomenti che varrebbe la pena di dibattere e che vengono oscurati da questa sorta di persecuzione di cui siamo oggetto.