“Libertà per Patrick Zaki Giustizia per Giulio Regeni”. Webinar il 19 alle 18

1 0

Patrick Zaki, è da oltre un anno rinchiuso in una cella di plexiglas nella prigione di Tora, soprannominata “la tomba”, assieme a centinaia detenuti, tutti in custodia cautelare, senza processo né possibilità di difendersi dalle accuse. Zaki è un giovane studente di religione copta. I Copti sono un’antichissima comunità cristiana della Chiesa ortodossa, fortemente vessata ed emarginata nel Paese le cui Chiese sono oggetto di continue aggressioni e minacce. Patrick, arrestato al suo arrivo all’aeroporto del Cairo, stava svolgendo un master sulla questione femminile e di genere presso l’Università di Bologna, tutti elementi che lo rendono assai inviso al sanguinario regime del dittatore Al Sisi. Il suo caso, ha sollevato una grande mobilitazione di solidarietà in tutto il mondo.

Giulio Regeni, era un ricercatore italiano dell’Università di Cambridge, mandato al Cairo per svolgere una ricerca sul sindacato. Chiunque abbia una minima conoscenza dell’Egitto sa bene che il sostantivo “sindacato” equivale ad una bestemmia in un Paese in cui non esiste lo Stato di diritto. Gravi anche le responsabilità dell’Università inglese, che pur conoscendo la realtà egiziana, ha mandato Giulio in una situazione ad altissimo rischio senza alcuna reale protezione e garanzia. Dopo il sequestro, la sua morte è sopraggiunta dopo giorni e giorni di torture disumane tali da rendere il suo corpo irriconoscibile alla famiglia.

Alla richiesta di libertà immediata per Patrick e di giustizia per Giulio e la sua famiglia, banco di prova sul terreno dei diritti umani anche per il nuovo governo italiano, ci associamo con tutte le nostre forze e ne discutiamo con:

Antonella Napoli, giornalista, collabora con testate nazionali ed estere, tra cui Limes, Left, Daily Mail, Sudan Tribune, Al Jazeera, Il Fatto, Avvenire, L’Espresso e Repubblica

Giuseppe Giulietti, Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Paolo De Stefani, docente all’Università di Padova di Tutela Internazionale dei Diritti Umani.

Annamaria Alborghetti, avvocato penalista, specializzata in diritto penitenziario e Istituzioni e tecniche di tutela dei diritti umani.

Laura Nota, docente del Fispa dell’università di Padova con delega del Rettore per l’inclusione e disabilità.

Francesca Benciolini, Assessora alla Risorse umane del Comune di Padova con delega alla Cooperazione Internazionale, alla pace e ai diritti umani.

Modera il dibattito Enrico Ferri, giornalista di Articolo 21, sezione veneta

Link per la partecipazione al meeting Zoom

https://us02web.zoom.us/j/87918558000?pwd=YTJ0VndPUkxxVWFLWEtuQjlPS2Qvdz09

Arte, politica, cultura: continua il nostro impegno per una cittadinanza attiva e solidale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.