Il regime di Assad colpevole di crimini contro l’umanità. La sentenza del tribunale di Coblenza richiede una risposta dalla politica

2 0

A Coblenza è stata emessa una sentenza storica o una sentenza mite? Vediamo subito di cosa si tratta: Eyad al-Gharib, ex agente dei servizi segreti siriani, è stato condannato dalla Tribunale tedesco a quattro anni e mezzo di carcere per complicità in crimini contro l’umanità. Era accusato di far parte di un’unità che nella città di Douma, piccolo centro nel sud del Paese dove proprio dieci anni fa è cominciato la sollevazione popolare siriana, prelevava i dissidenti dopo le manifestazioni contro il regime di Bashar al Assad per portarli nel carcere Al Khatib, o Unità 251, dove poi venivano torturati.

A processo sempre a Coblenza anche un sospetto torturatore la cui sentenza deve essere ancora emessa.

La condanna a quattro anni e mezzo di reclusione a molti è parsa mite, o non adeguata per un reato come complicità in crimini contro l’umanità, ma il punto da considerare è che al Gharib è stato giudicato prima dell’alto imputato, il colonnello dei servizi segreti Anwar Raslan, ancora in attesa di verdetto, per via della defezione dal regime e della collaborazione con gli inquirenti. Raslan fu casualmente riconosciuto per strada da una sua vittima, torturato anni fa prima di fuggire in Germania, che lo denunciò.

Così il punto decisivo è un altro. Per la prima volta un tribunale europeo riconosce il regime di Bashar al.-Assad colpevole di crimini contro l’umanità, quelli evidentemente perpetrati in Siria da dieci anni a questa parte. Dunque è applicabile quella giurisprudenza che ritiene perseguibile un reato così grave anche se commesso in un altro Paese. Di qui dovrebbe scaturire una possibile estensione ad altri tribunali del meccanismo giudiziario per cui soggetti appartenuti al regime sono perseguibili se individuati e riconosciuti tali.

Ma il vero punto nuovo di Coblenza è che per la prima volta i carnefici vengono processati, e oggi si può dire condannati, per iniziativa delle vittime, non delle potenze vincitrici contro di loro. Parte infatti da vittime fuggite dal loro paese e impossibilitate a rientrarvi la richiesta di giustizia: davanti alla politica queste vittime non hanno avuto ragione, anzi si potrebbe dire che sin qui hanno avuto torto. Eppure la loro voce ha saputo farsi sentire e la corte ha riconosciuto che i reati di cui accusano il regime di Bashar al Assad sono in effetti crimini contro l’umanità e in quanto tali perseguibili da ogni tribunale. Il punto dunque non è se le condanna è o non è mite, mina trasferire ciò che attesta, che il regime di Assad ha commesso crimini contro l’umanità, da un’aula di giustizia a quella della politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.