Sei qui:  / Opinioni / Referendum. Che rapporto c’è tra quantità e qualità?

Referendum. Che rapporto c’è tra quantità e qualità?

 

Che rapporto c’è tra quantità e qualità? Questo è un dilemma antico, ma che – in vista del referendum per la riduzione dei parlamentari – sta occupando la ribalta della discussione pubblica. In sostanza, ci si confronta per capire se si lavora in Parlamento meglio in 945 (630 onorevoli e 315 senatori) o in 600 (400+200). Chi è per il sì, afferma che con minori eletti è tutto più agile e le cose andranno meglio. Chi si pone per il no, evidenzia la difficoltà di rappresentare le aree più marginali del Paese e di allestire le commissioni in cui si specializza il lavoro legislativo.

Un tema forte per il sì è l’assenteismo dilagante tra gli eletti, con punte di oltre il 90 per cento. L’argomento è rilevante e irritante. E forse potrebbe essere il punto di svolta per trovare finalmente un nesso tra quantità e qualità. Ovvero lasciando il numero attuale di eletti in entrata, ma tagliando ogni anno una quota dei più assenti. Con queste “decadenze programmate” uscirebbero i meno motivati, magari perché hanno di meglio da fare e rimarrebbe chi ha preso sul serio la carica. Insomma, il taglio lineare non è una soluzione e infatti voterò no. Ma il tema di una ottimizzazione della rappresentanza c’è.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.