Sei qui:  / Articoli / Polonia, arrestato e poi rilasciato attivista Lgbt italiano arrestato con altre 47 persone

Polonia, arrestato e poi rilasciato attivista Lgbt italiano arrestato con altre 47 persone

 

Arrestato e poi rilasciato un attivista italiano, arrestato ieri a Varsavia, insieme ad altre 47 persone. stato Il giudice che l’ha ascoltato gli ha intimato l’obbligo di firma due volte la settimana in attesa dell’inizio del processo a suo carico.
A darne notizia via Twitter il sottosegretario agli Affari Esteri, Ivan Scalfarotto, che si è subito attivato presso l’ambasciatore d’Italia in Polonia.
Su quanto successo a Varsavia “Da’ voce al rispetto” «ha espresso solidarietà a Margot, attivista transgender del collettivo Stop Bzdurom, da ieri in carcere per detenzione preventiva di due mesi, e alle altre persone caricate, picchiate e arrestate dalla polizia durante una manifestazione di protesta a Varsavia, tra le quali c’è anche un nostro connazionale. La violenza sembra ormai diventata la cifra distintiva di un governo che fa della misoginia e dell’omotransfobia un tratto fondante della propria politica».

Nella nota il comitato promotore della campagna nazionale a sostegno di una buona legge contro l’omotransfobia e la misoginia ha poi osservato: «Apprendiamo con soddisfazione che il sottosegretario agli Affari Esteri, Ivan Scalfarotto, si è subito attivato presso il nostro ambasciatore a Varsavia per avere notizie dell’attivista italiano arrestato Auspichiamo, allo stesso tempo, un fattivo intervento da parte delle istituzioni europee a fronte dell’ennesimo atto di sopraffazione e violenza nei riguardi della comunità Lgbt polacca».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.