Sei qui:  / Articoli / Violenza di genere, la ministra Bonetti: contrasto parte da racconto corretto fenomeno. Giulietti. “Portiamo Manifesto Venezia nelle scuole e a Commissione Segre»

Violenza di genere, la ministra Bonetti: contrasto parte da racconto corretto fenomeno. Giulietti. “Portiamo Manifesto Venezia nelle scuole e a Commissione Segre»

 

«Va sgomberato il campo da un equivoco: che chi usa parole d’odio, chi offende e diffama lo fa nel rispetto del diritto di espressione. Non è così. Non si può considerare libertà di espressione un reato. Bisogna uscire dall’ambiguità e prendere le distanze da chi in nome dell’articolo 21 della Costituzione incita all’odio».

Con questa  esortazione Beppe Giulietti. presidente della Federazione nazionale della stampa, è intervenuto al convegno organizzato dalla Commissione pari opportunità della Fnsi “Parole d’odio e violenza di genere”.

«Portiamo il Manifesto di Venezia nelle scuole – è l’invito rivolto dal presidente Fnsi alla ministra Bonetti – e costruiamo fin dalle scuole la cultura del rispetto e della tolleranza. È ancora più importante oggi che pare normale odiare, attaccare chi salva vite, chi rispetta la Costituzione. Occorre fare una battaglia per l’uso corretto delle parole e in questo senso il Manifesto di Venezia rappresenta uno strumento per creare una coscienza nuova».

Giulietti ha ricordato il laboratorio con l’Università di Padova sul contrasto all’industria dell’odio e lancia una seconda proposta: «Consegniamo il Manifesto di Venezia e la Carta di Assisi alla senatrice Segre e chiediamo di inaugurare i lavori della Commissione con una serie di audizioni di chi contrasta i linguaggi d’odio. Chiederemo al Viminale di dedicare una riunione dell’Osservatorio sulle minacce ai cronisti – conclude – alle giornaliste non solo minacciate da mafia e camorra, ma aggredite per il fatto di essere donne».

«Aiutateci a trovare le parole giuste per il nostro agire sociale. A trovare le parole che, condannando i fatti negativi della storia, aiutino le istituzioni e la politica ad affrontarli e superarli. Perché il contrasto alle parole d’odio e alla violenza di genere parte dalla corretta narrazione del fenomeno» è stato l’appello rivolto dalla ministra Elena Bonetti alle giornaliste e ai giornalisti riuniti nella sede della Federazione nazionale della Stampa italiana, a Roma, in occasione del convegno ‘Parole d’odio e violenza di genere’ promosso dalla Cpo Fnsi con Cpo Usigrai, Cpo Cnog e le associazioni Giulia Giornaliste e Articolo21 in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

«Il fenomeno della violenza di genere – osserva la ministra – ha alcune analogie con il fenomeno mafioso: anche in questo caso, si è iniziato ad affrontarlo quando si è iniziato a dire che esiste. Per questo è essenziale che se ne parli e il ruolo dei media in questo senso è fondamentale. Così come fondamentale è una assunzione di responsabilità collettiva».

Nello specifico dei professionisti dell’informazione, prosegue Bonetti, «occorre trovare le parole giuste per raccontare con fedeltà la cronaca, ma anche per interpretare i fatti, per leggere l’oggi e collocarlo nel tempo storico del divenire. L’impegno dei media deve essere quello di fare di questa cronaca e di questa interpretazione un processo storico, perché il modo in cui la violenza sulle donne viene raccontata plasma la percezione del fenomeno e contribuisce a costruire la nostra civiltà democratica».

Per la ministra, «se lo si raccontata male, si distorce il fenomeno. La violenza è la negazione della relazione sentimentale, non una possibile degenerazione dell’amore. Occorre dare il giusto nome alle cose per educare tutti noi ad interpretare e affrontare quello che accade. In questo senso anche la politica ha una responsabilità forte nella scelta delle parole da usare».

La responsabile delle Pari Opportunità si sofferma quindi su un secondo aspetto del fenomeno della violenza sulle donne: «Dietro le notizie, dietro gli episodi di violenza ci sono persone, che vanno difese e tutelate. Bisogna dare voce alle vittime – rileva – ma con rispetto. E spesso anche le giornaliste e giornalisti che danno voce a queste donne senza voce finiscono nel mirino di chi odia e usa linguaggi violenti. Anche per questo è necessario costruire una comunità in grado di riconoscere e apprezzare il ruolo dei media. E qui è necessario che le istituzioni creino nella comunità il senso e la necessità del vostro ruolo».

All’incontro, aperto con la proiezione di un video-intervento della senatrice a vita Liliana Segre e introdotto dalla presidente della Commissione Pari Opportunità della Fnsi, Mimma Caligaris, un nutrito gruppo di relatori e relatrici, fra cui Nadia Monetti (Esecutivo e Cpo Odg), Silvia Garambois (presidente GiULiA), Roberto Natale (Carta di Assisi), Anna Del Freo (segretaria generale aggiunta Fnsi e componente del direttivo della Efj), Monica Andolfatto (segretaria Sindacato giornalisti Veneto), Monica Pietrangeli (coordinatrice Cpo Usigrai), Riccardo Noury (portavoce Amnesty International Italia), Antonella Napoli, giornalista minacciata e sotto sorveglianza, che ha aperto le testimonianze delle croniste vittime di attacchi sul web e, nel suo caso, oggetto delle attenzioni di gruppi islamisti che le hanno invitato umani lettera minatoria.

La presidente della Cpo, Caligaris, ricorda la fotografa cilena Albertina Martínez Burgos, trovata cadavere nel suo appartamento di Santiago, in Cile, con segni di percosse e di pugnalate, e la mimo Daniela Carrasco, morta qualche giorno prima, e rimarca come «spesso sono proprio le giornaliste a finire nel mirino degli odiatori della rete».

A Monica Pietrangeli il compito di illustrare com’è nata l’idea dello spot contro la violenza sulle donne realizzato dall’Usigrai. Silvia Garambois, presidente di GiULiA sottolinea che «ogni volta che veniamo messe in difficoltà nel fare il nostro mestiere siamo sotto ricatto professionale». Il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, cita la misoginia presente in rete e racconta il lavoro per arginare gli odiatori che fa quotidianamente Amnesty. Per Elisa Marincola, portavoce di Articolo21, «non basta denunciare: servono buone pratiche e servono sanzioni più severe. A fine gennaio ad Assisi – annuncia – ci sarà il sinodo dei giornalisti dedicato anche a questi temi».

Anna Del Freo ribadisce «l’attenzione a livello europeo sui temi di violenza e hate speech» e il tentativo di «portare in Europa il modello del Manifesto di Venezia». Nadia Monetti anticipa l’intenzione di mettere mano al codice deontologico inserendo principi di tutela della donna nel racconto della violenza. Roberto Natale ricorda che «siamo sotto osservazione a livello europeo per il livello di odio».

Spazio infine alle testimonianze di sei giornaliste finite nel mirino degli hater per il loro lavoro, perché hanno trattato argomenti scomodi o particolarmente ‘divisivi’, ma anche per il solo fatto di essere donne. Oltre alla Napoli hanno portato la loro testimonianza, Federica Angeli, Angela Caponnetto, Monica Napoli, Stefania Lapenna e Sara Lucaroni, è emersa la determinazione a rispondere all’odio con intelligenza e, citando la senatrice Segre, «senza odio».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.