Sei qui:  / Articoli / Mafie / Erano ragazzi, indossavano una divisa e venero ammazzati 

Erano ragazzi, indossavano una divisa e venero ammazzati 

 

37 anni fa, sono passati più anni di quanti ne avesse Salvatore Raiti ed anche Luigi Di Barca, due dei tre carabinieri trucidati dalla mafia a Palermo nella strage della circonvallazione. Il terzo carabiniere di anni ne aveva poco più di quaranta e si chiamava Silvano Franzolin.
I tre “ragazzi” morirono sotto i colpi di un commando di sicari armati di kalashnikov che sparò centinaia di colpi per ammazzare il boss catanese, Alfio Ferlito, che era a bordo di una Mercedes, guidata da Alfio Di Lavore, anche lui un giovane che sostituì il padre quel giorno e venne massacrato.
Doveva essere un favore che i corleonesi di Totò Riina facevano al loro alleato catanese, Nitto Santapaola.
Oggi, 37 anni dopo, ricordiamo Salvatore, Luigi e Silviano, insieme ad Alfio.
Non spegniamo la loro memoria e diamo voce ai loro familiari, per sempre privati dei sorrisi di chi, indossando una divisa, ha servito questa nostra meravigliosa Italia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.