Sei qui:  / Blog / A giudizio cantanti che diffamarono Meridionews

A giudizio cantanti che diffamarono Meridionews

 

Lo ha deciso il Tribunale di Catania. I due neo melodici erano risentiti per il servizio con cui il gornale harivelato che sono imparentati con esponenti mafiosi

Il 29 dicembre 2018 il Pubblico ministero del Tribunale di Catania ha emesso un decreto di citazione diretta a giudizio nei confronti dei cantanti neomelodici Vincenzo Pandetta e Filippo Zuccaro, in arte Andrea Zeta. La prima udienza si terrà il 18 novembre 2019.

I due cantanti sono imputati, in concorso fra loro, di diffamazione e minacce nei confronti della giornalista di Meridionews, Luisa Santangelo, e della direttrice responsabile della testata Claudia Maria Campese.

Le due giornaliste, a gennaio 2018 hanno realizza e pubblicato un servizio giornalistico sul successo della musica neomelodica a Catania, descrivendo come nei testi delle canzoni siano presenti i temi cari alla malavita e, a proposito dei due artisti neomelodici, indicando le loro parentele con esponenti mafiosi.
(guarda)

Dopo la pubblicazione di quel servizio Pandetta e Zuccaro inondarono con messaggi minacciosi la posta privata dell’account Facebook di Meridionews, realizzarono un video nel quale minacciavano e lamentavano un danno ingiusto alla loro reputazione e lo pubblicarono su Facebook, invitando i fan a condividerlo. (leggi l’articolo di Ossigeno sulla vicenda)

RDM

Da ossigenoinformazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE