Sei qui:  / Opinioni / Piattaforma Rousseau su Salvini. In caso di vittoria dei no, il leader leghista farebbe cadere il Governo?

Piattaforma Rousseau su Salvini. In caso di vittoria dei no, il leader leghista farebbe cadere il Governo?

 

Un ministro può violare la legge, senza che il Paese o la Costituzione siano talmente in pericolo da giustificarlo? Stretta all’osso, è questa la domanda a cui dovranno rispondere gli iscritti  5 Stelle, rispetto al mancato sbarco (sequestro di persona) di 177 naufraghi. Ma il quesito più importante è un altro: in caso di vittoria dei no, Salvini farebbe cadere il Governo? Su questo punto il “capitano” non s’è sbilanciato. Ma mentre ci pensa, c’è un’altra tessera che si unisce al mosaico: Zingaretti ha detto che se questo Governo dovesse cadere, da nuovo segretario del PD andrebbe a elezioni anticipate.

Una svolta questa che serve al Presidente del Lazio per rispettare la promessa di non volersi alleare con i grillini fino alle primarie e per tutta la legislatura, ma dalla quale sarebbe sciolto con nuove elezioni. Magari con un PD all’abbruzzese “allargato” (con più forza) per risettare i rapporti con i grillini ridimensionati (con meno forza), senza correre il rischio di un altro gran rifiuto, come successe a Bersani.
Insomma, al di là di proclami di incompatibilità tattici di PD e M5S, la loro convergenza anti destro-leghisti di Salvini si profila come unico sbocco per un cambiamento di fase. Ma solo se entrambi riusciranno a guarire dalle loro ossessioni: vocazione maggioritaria (soli è bello) e opposizione-filia (contro è bello).

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.