Sei qui:  / Articoli / Migrazioni / Roma. Anche Certi Diritti e Gaynews alla manifestazione “Non siamo pesci”. Bonafoni: “Una piazza strapiena per reagire a tanta disumanità”

Roma. Anche Certi Diritti e Gaynews alla manifestazione “Non siamo pesci”. Bonafoni: “Una piazza strapiena per reagire a tanta disumanità”

 

Una piazza di Montecitorio gremita ieri pomeriggio a Roma nonostante il freddo e la pioggia per la manifestazione Non siamo pesci. Alta partecipazione e molta consapevolezza del diritto/dovere di tutelare i migranti a fronte di quanto si sta consumando da troppo tempo nel Mediterraneo, perché come detto da Fanny, fuggita da un conflitto armato in Congo e per 19 giorni a bordo della nave Sea-Watch: «Non siamo pesci».

In linea con l’appello di oltre 600 personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo (da Luigi Manconi a Roberto Benigni, da Gabriella Bonacchi a Massimo Cacciari, da Michela Murgia a Manuela Cavallari, per fare solo alcuni nomi), associazioni, esponenti della classe politica, cittadine/cittadini si sono ritrovati davanti alla sede della Camera dei Deputati, per chiedere «al Parlamento di istituire una commissione di inchiesta sulle stragi nel Mediterraneo e di realizzare una missione in Libia» e «al governo di offrire un porto sicuro in Italia alla Sea-Watch, che sabato scorso ha salvato 47 persone, senza che si ripeta l’odissea vissuta a fine dicembre davanti a Malta».

Presenti anche alcuni attivisti Lgbti, componenti dell’Associazione Radicale Certi Diritti col segretario nazionale Leonardo Monaco e della nostra redazione di Gaynews nella persona di Rosario Murdica.

Sul significato della manifestazione Antonella Napoli, giornalista di Articolo21 (da tempo vittima delle minacce di Forza Nuova e recentemente fermata dalle forze dell’ordine in Sudan durante un’inchiesta sulla strage di Karthoum), ha ieri twittato: «Quanto è bella questa piazza piena e il messaggio che manda: basta indifferenza! Nessuno può più nascondersi dietro l’ignavia. Chi si ritiene esonerato dal prendere posizione sappia che non sarà assolto. Prima o poi bisogna fare i conti con la propria coscienza. #NonSiamoPesci».

Ecco, invece, che cosa ha dichiarato Marta Bonafoni, consigliera regionale del Lazio e capogruppo della Lista Civica Zingaretti, ai nostri microfoni: «Una piazza strapiena, non si riesce ad entrare. Una risposta che dà la misura di quello che succedendo nel nostro Paese: c’è una reazione, c’è una resistenza civica e civile, a norma di legge e “a senso di cuore”, perché hanno veramente toccato le corde di una disumanità alla quale ci stiamo ribellando.

Siamo in piazza Montecitorio con la risposta a questo appello, Non siamo pesci. Nonostante la pioggia e il freddo siamo in tantissimi e in tantissime perché ci sono delle norme nazionali e internazionali, c’è lo Stato di Diritto che va difeso.

Sono contenta che a chiamarci a raccolta sia stato il mondo del diritto e della cultura, perché penso che veramente ci debba essere un appello che riguardi tutti i pezzi della nostra società.

C’è qualcosa di enorme che sta succedendo a largo di Siracusa, ma sta succedendo in tutte le nostre città, una violazione di fronte alla quale serve una ribellione vera, minuscola, individuale e collettiva insieme. Quindi ben venga ritrovarci davanti a quel Parlamento che sta sostenendo un governo che si macchia di questa responsabilità».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE