Sei qui:  / Culture / Teatro / Psicoanalisi e deviazione mediatica ne ‘Il Penitente’ di David Mamet, con Luca Barbareschi, alla Pergola di Firenze

Psicoanalisi e deviazione mediatica ne ‘Il Penitente’ di David Mamet, con Luca Barbareschi, alla Pergola di Firenze

 

Nei minuti che antecedono lo spettacolo, sopra il palco incombe un enorme cubo sospeso nell’aria sulle cui facce scorrono unicamente notizie di guerre, crisi, momenti di terrore uniti a volti conosciuti della politica italiana ed estera degli ultimi decenni. L’atmosfera è tesa e crea subito sconcerto, uno sbigottimento confuso – eppure così chiaro – che proseguirà senza un momento di stanchezza per tutta la narrazione. Poi l’arrivo del protagonista Charles, Luca Barbareschi, uno psicoanalista che sta leggendo un diario, il suo. All’improvviso si spengono tutte le insegne e notizie che scorrevano sul cubo ed entra in scena la moglie, Kath, un’incalzante e preparatissima Lunetta Savino. Charles comincia a tessere una polemica contro tutto ciò che è informazione, perché – spiega alla moglie – ai giornali, ai TG non interessa la verità ma solo il gossip, privo di ogni tipo di saggezza.

Charles è emotivamente coinvolto nella denuncia dell’ingiustizia sociale dei media, volti solo a creare e diffondere scandali, perché lui stesso, psichiatra molto conosciuto, ha deciso di rifiutarsi di rendere testimonianza nel procedimento contro un suo paziente, chiamato “ragazzo”, accusato di una serie di orribili crimini. Il ragazzo informa i giornali di essere omosessuale e dichiara che il rifiuto del suo psicoanalista è dovuto all’omofobia di Charles.

I giornalisti non perdono tempo e titolano gli articoli con una frase stravolta, da lui mai scritta, che si vuol far credere estrapolata da un testo dello psicoanalista: “L’omosessualità è un’aberrazione” . La falsa notizia dilaga e conta poco che Charles ripeta al suo avvocato, alla moglie o al magistrato che, a onor del vero, il suo articolo era intitolato “L’omosessualità come adattamento”.

Charles racconta dei suoi incontri con il ragazzo e la minuziosa ricostruzione delle sedute lo conduce a mettere in discussione se stesso e la psicoanalisi. Insomma questa gogna mediatica lo accompagna inesorabilmente al centro di un vero e proprio dilemma morale e alla scelta finale, in considerazione del fatto che stampa, leggi e psichiatria non sono di aiuto alla risoluzione del problema.

Il Penitente non delude le attese nei confronti dell’ennesimo copione di David Mamet, sceneggiatore assolutamente riconoscibile per la scelta di far colloquiare i suoi i personaggi con successioni velocissime e quasi sempre interrotte dall’uno o dall’altro interlocutore, dialoghi dove l’attenzione non cade mai, grazie anche alla scelta di far concludere spesso le frasi da colui che non stava parlando. Un inarrestabile Luca Barbareschi può rivendicare il merito dell’ottima riuscita di questo dramma.

 

Il Penitente

Lunetta Savino
Luca Barbareschi
Massimo Reale
e con Duccio Camerini

di David Mamet

scene Tommaso Ferraresi

costumi Anna Coluccia

luci Iuraj Saleri

musiche Marco Zurzolo

suono Hubert Westkemper

video Claudio Cianfoni, Marco Tursi e Andrea Paolini

dramaturg Nicoletta Robello Bracciforti

traduzione e regia Luca Barbareschi

produzione Teatro Eliseo, Fondazione Campania dei Festival, Napoli Teatro Festival Italia

foto di scena Bepi Caroli

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE