Sei qui:  / Articoli / Interni / Basta aggressioni fasciste! Il Viminale renda conto di questa vera emergenza sicurezza!

Basta aggressioni fasciste! Il Viminale renda conto di questa vera emergenza sicurezza!

 

Non sono più accettabili le crescenti aggressioni neofasciste contro croniste e cronisti che fanno il loro lavoro di documentare e denunciare una realtà che ha superato il confine che una democrazia ancora degna di definirsi tale può sopportare!

Sono anni che gruppi che apertamente si dichiarano ispirati dalle teorie neofasciste e neonaziste crescono, si rafforzano sotto lo sguardo quanto meno distratto delle autorità che dovrebbero vigilare sull’ordine pubblico; e proseguono indisturbati a intimidire, minacciare, attaccare anche fisicamente, chiunque si permetta di attraversargli la strada e svelare affari, crimini, intrecci con la criminalità organizzata e cospirazioni per conquistare consenso a scapito di chiunque, italiano o straniero, sia simbolo di diversità: irruzioni nelle sedi di associazioni e circoli che accolgono immigrati, pestaggi e accoltellamenti ai danni di ragazzi di sinistra, le pietre d’inciampo rimosse in una via di Roma, poco dopo le scritte contro la sede Anpi, le crescenti aggressioni a coppie gay (ma anche alle scuole che sperimentano percorsi formativi aperti alle diversità di genere, come accaduto qualce settimana fa a Milano) e insulti e violenze contro migranti e rom sono diventati quasi cronaca quotidiana. E soprattutto nella Capitale. Stranieri, gay, giovani antifascisti, ebrei sono ancora una volta nel mirino di queste forze oscure che si preparano in tutto il continente a stravolgere e distruggere l’Europa unita, unico vero baluardo all’avanzare della barbarie fascista, razzista, antisemita, antidemocratica.

Questa volta (ancora una volta) è toccata a due colleghi de l’Espresso. Una testata gloriosa che da sempre, e soprattutto negli ultimi anni, ha investigato sull’estrema destra, subendo addirittura intimidazioni sotto la propria sede romana, come avvenuto appena un anno fa. E altre colleghe e colleghi del Gruppo Gedi, come Paolo Berizzi di Repubblica, o Fabio Gervasoni, collaboratore della Stampa, vengono presi continuamente di mira. Berizzi non può presentare i suoi libri se non accompagnato da una scorta.

Si parla tanto di sicurezza, a sproposito se poi si impedisce a 48 migranti recuperati in alto mare, quasi morti di fame e freddo, di sbarcare dopo oltre due settimane di odissea e si consente a picchiatori e criminali come questa di agire indisturbati! Che differenza c’è tra la “testata” di Roberto Spada contro Daniele Piervincenzi e Fabio Anselmo e le botte e il furto della scheda con le foto scattate alla manifestazione di Forza Nuova e altri gruppi simili contro Federico Marconi e Paolo Marchetti, colleghi de l’Espresso?

Articolo 21 è al fianco di tutti i giornalisti e le giornaliste e di tutte le vittime della violenza neofascista: questi criminali sono contro la Repubblica italiana e ci aspettiamo che, come tali, come eversori dei principi costituzionali, vengano colpiti da magistratura e Viminale. Ci aspettiamo l’impegno del governo tutto, e per primo del ministro dell’interno Salvini che dice di avere tanto a cuore la sicurezza del nostro Paese, per stanare i colpevoli e mettere la parola fine su questa deriva che è stata già condannata dalla storia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.