Sei qui:  / Blog / Sofferenze del ministro Tria. Istat: Pil, non c’è crescita, spread a 310 punti, miliardi buttati

Sofferenze del ministro Tria. Istat: Pil, non c’è crescita, spread a 310 punti, miliardi buttati

 

Da Bruxelles nuova lettera: manovra incompatibile con il debito. Risposta entro il 13 novembre. Cgil, Cisl, Uil: pronti a mobilitazione

Si racconta in ambienti di governo che il ministro Tria sia vicino ad una crisi di nervi, ossessionato da letterine, dichiarazioni di Commissari Ue, capi di governo, ministri dell’economia, esponenti politici, ce ne fosse una che concordi con le posizioni del governo gialloverde. Anche dei partiti cui si richiama Salvini, populisti, sovranisti, insomma  partiti e movimenti di destra estrema non ce n’è uno che pronunci una parola buona, magari anche solo di conforto, nei confronti del governo italiano. Per quanto riguarda il ministro Tria, si dice a Bruxelles che se ne comprendono le difficoltà a dover rispondere al triumvirato Salvini, Di Maio, Conte, ritenuti quando va bene del tutto a digiuno in materia di economia, finanza, banche. Ma è lui che aveva siglato una bozza di accordo a partire dal problema centrale, il rapporto fra deficit e Pil. Sempre lui che in prima persona si era impegnato sul debito da tenere a freno.  Da qui nasce l’ossessione per le letterine. Forse se le sogna anche la notte e, puntuali, arrivano. Così è accaduto martedì proprio mentre i fringuelli, Conte, Salvini, Di Maio, facevano notare, di primo mattino che, la Borsa partiva in positivo e che lo spread faceva altrettanto, rimaneva al di sotto di quota 300. Essendo dei dilettanti allo sbaraglio non pensavano che lo spread anche sotto quota 300 significa miliardi che se ne vanno. Ma il trillo del trio durava poco. E anche per il ministro Tria, strana l’assonanza, deve essere stato il destino cinico e baro a comporre il trio governante, arrivava una notizia pessima. Istat annunciava che nel terzo trimestre il Pil era rimasto invariato rispetto al precedente trimestre. Gli analisti, forse in amicizia con il trio di cui sopra, attendevano un +0,2. Un tasso tendenziale di crescita pari allo 0,8… Continua su jobsnews

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE