Sei qui:  / Opinioni / Morti sul lavoro: C’e’ bisogno dell’impegno di tutti per fermare la mattanza quotidiana che c’e’ ogni giorno nei luoghi di lavoro

Morti sul lavoro: C’e’ bisogno dell’impegno di tutti per fermare la mattanza quotidiana che c’e’ ogni giorno nei luoghi di lavoro

 

I dati dell’Osservatorio Indipendente sulle morti sul lavoro (diretto da Carlo Soricelli, ex operaio metalmeccanico in pensione) ci dicono che dall’inizio del 2018 ad oggi ci sono gia’ stati oltre 450 morti sul lavoro.Numeri che farebbero sobbalzare dalla sedia chiunque, ma in Italia purtroppo e’ la normalita’, perche’ quasi piu’ nessuno si indigna per tutte queste morti sul lavoro (oramai e’ un bollettino di guerra).L’ho detto prima delle elezioni politiche e lo confermo ora, non vedo tutta questa attenzione da parte del mondo politico sul dramma delle troppe morti sul lavoro e sulla mancanza di sicurezza sul lavoro.Inoltre, quando sento sui mezzi d’informazione “nel 2017 secondo l’Inail ci sono state 1029 morti sul lavoro” mi cadono le braccia.Perche’, premesso che l’Inail considera come morti sul lavoro solo i suoi assicurati (e fra questi non ci sono carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco, personale di volo, sportivi, volontari della protezione civile e addirittura i giornalisti), quelle 1029 non solo le morti sul lavoro riconosciute dall’Inail nel 2017, ma bensi’ le denunce di infortunio mortale arrivate all’lnail ed e’ assurdo che fino a Luglio di ogni anno (mese in cui viene presentato il Rapporto Annuale sugli infortuni sul lavoro) non si sappia quanti morti sul lavoro ci sono effettivamente state (secondo l’Inail) nell’anno precedente.Di queste 1029 denunce di infortunio mortale, quasi il 40% (come avviene ogni anno) non verranno riconosciute come infortunio mortale.E’ questo e’ sotto l’occhio di tutti.Inoltre, l’Inail ogni anno ha un avanzo di bilancio.Il cosiddetto “tesoretto Inail”, che si e’ accumulato negli anni ammonta a ben 32 miliardi di euro.Questi soldi sono depositati presso un conto infruttifero della Tesoreria dello Stato.Invece di essere spesi per aumentare le rendite ai familiari delle vittime sul lavoro o agli invalidi sul lavoro, vengono usati dallo Stato Italiano per ripianare i debiti: CHE VERGOGNA!!!Possibile che nessuno dica nulla, oramai sono anni che lo vado ripetendo fino allo spasimo.E intanto continuamo a contare le morti sul lavoro che ci sono ogni santo giorno (festivi inclusi) in Italia, senza che nessuno faccia qualcosa di concreto per fermarle.In Italia se chiudessimo il calcio ci sarebbe una rivoluzione e gente in piazza con cartelli e slogan a protestare, ma per le morti sul lavoro no, quelle sono normali.E con il jobs act che ha precarizzato il lavoro e ridotto la sicurezza sul lavoro, le morti sul lavoro sono in un aumento vertiginoso.Mi dispiace, ma non siamo un Paese civile.Il Commissario dell’Unione Europea per la  salute Andriukaitis, ospite questi giorni a Firenze ha detto:

“Le morti sul lavoro sono inaccettabili, fondamentale e’ applicare le direttive europee in materia di sicurezza sul lavoro”.
E L’Italia negli ultimi anni (2011 e 2014) ha avuto aperte dalla Commissione Ue  2 procedure d’infrazione per violazioni di alcuni articoli delle direttive europee per la sicurezza sul lavoro (direttiva 89/391/cee e direttiva 92/57/cee)
Questa settimana mi e’ arrivata una lettera di risposta dalla Presidenza della Repubblica (che avevo indirizzato al Presidente della Repubblica Mattarella) in un cui mi ringrazia “ancora una volta” per il mio impegno in difesa della vita e della dignita dei lavoratori.Ringrazio davvero molto la Presidenza della Repubblica.Ma Bazzoni e’ uno, non puo’ farcela da solo, c’e’ davvero bisogno dell’impegno di tutti per fermare questa mattanza quotidiana nei luoghi di lavoro.Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*