Sei qui:  / Blog / L’open source al servizio della sanità nei Paesi in via di Sviluppo

L’open source al servizio della sanità nei Paesi in via di Sviluppo

 

  

Il software open source al servizio del settore sanitario ha prodotto e sta producendo modelli di innovazione interessanti soprattutto a vantaggio delle realtà più marginali del pianeta.

Uno di questi è il progetto Open Hospital, sistema informatico messo a punto nel 2006 da Informatici Senza Frontiere – organizzazione che si occupa di progetti no profit – per fornire uno strumento utile ai fini della sanità locale in particolare alle aree più isolate e meno servite in tutto il mondo.

Open Hospital, come software libero di gestione ospedaliera – HIMS, Health Information Management System –  è gestito in un repository di progetti open source, sourceforge.net.

Cliniche ospedaliere in Kenya, Benin, Uganda, Congo, Afghanistan, ma anche in Angola, Madagascar, Tanzania, Etiopia, Birmania, Nepal, Yemen, grazie a questo software realizzato in linguaggio Java, negli ultimi dieci anni sono riuscite – secondo gli autori dell’iniziativa – a rendere più agile, veloce ed efficiente la gestione amministrativa di ospedali, ambulatori e centri medici… Continua su vociglobali

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE